Società

Aversa, nuovo record per l’unità di Orto-Traumatologia del “Moscati” diretta dal dottor Pellegrino

di Jacopo Grassia

Aversa (Caserta) – E’ ancora record per la Uoc di Orto-Traumatologia del presidio ospedaliero “Moscati” diretta dal dottor Achille Pellegrino (nella foto). I dati ufficiali definitivi per l’anno 2020 del Programma Nazionale Esiti, sviluppato dall’Agenas che fornisce valutazioni di efficacia e qualità delle cure, confermano una performance eccezionale nel trattamento delle fratture del collo del femore nei pazienti over 65 anni entro le 48 ore dall’accesso in pronto soccorso. – continua sotto –

L’ospedale aversano si attesta oltre l’80%, vale a dire 207 pazienti su 256 trattati chirurgicamente entro due giorni dall’evento fratturativo, dati decisamente superiori rispetto alla media nazionale (64%) e alla media regionale (55%). Non si tratta di una pagella, tengono a precisare i redattori bensì di «uno strumento per il miglioramento delle performance». Soddisfatti i vertici dell’Asl Caserta, ovvero il direttore generale Ferdinando Russo, il direttore amministrativo Amedeo Blasotti e il direttore sanitario Marco De Fazio.

«Grazie ad un’azione multidisciplinare e multispecialistica, nonostante le ben note criticità legate alla pandemia Covid 19, abbiamo riservato una corsia “preferenziale” per il Fast-Track delle fratture del femore prossimale nei pazienti over 65 – afferma il direttore del reparto di Orto-Traumatologia del Moscati, Achille Pellegrino – attivando un protocollo diagnostico-terapeutico con criteri di inclusione e esclusione all’intervento chirurgico entro le 48 ore».

«L’intervento precoce di stabilizzazione delle fratture del collo del femore nei pazienti over 65 è fondamentale perché  determina una diminuzione sia della degenza media pre-operatoria che post-operatoria con una marcata riduzione delle complicanze da allettamento, quali ulcere e/o piaghe da decubito, infezioni e complicanze cardio-respiratorie e cardio-circolatorie nel pre-operatorio e un’abolizione o marcata riduzione del dolore con conseguente riabilitazione precoce nel post-operatorio, così da evitare lunghe degenze ospedaliere e riabilitative e, quindi, un aggravio di costi diretti, indiretti e anche sociali.  Pur tuttavia – ha continuato Pellegrino – pazienti affetti da comorbità necessarie da essere inquadrate dal punto di vista clinico-strumentale e immediatamente corrette prima dell’intervento chirurgico, non sempre vengono trattati entro le 48 ore: in alcuni casi l’intervento chirurgico viene eseguito quando si raggiunge una stabilizzazione e una correzione di tutte le criticità organiche avvalendosi di un costante monitoraggio generale, onde evitare complicanze talora anche letali». – continua sotto –

«Ovviamente – conclude Pellegrino – all’intervento chirurgico deve seguire immediatamente un trattamento riabilitativo per la ripresa funzionale e la concessione precoce del carico e della deambulazione. Proprio per questo motivo abbiamo stilato un protocollo aziendale riabilitativo per la presa in carico dei pazienti e attivato un ambulatorio Fracture Laison Service dedicato ai degenti affetti da fratture da fragilità in modo da realizzare un percorso organizzativo adeguato secondo modelli elaborati sia a livello internazionale dall’International Osteoporosis Foundation (I.o.f.) sia a livello nazionale dalla Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (S.i.o.t.) con la realizzazione di un database e di una cartella clinica informatica».

L’obiettivo finale, così come riassunto efficacemente dal programma dell’I.o.f. denominato “Capture the fracture”, è quello di evitare le rifratture, monitorando i pazienti in modo attento e controllato, per impedire il cosiddetto “treatment gap”. Solo così il “paziente fragile”, sia “anziano” che “grande anziano”, potrà beneficiare di cure che assicurino il ritorno a compiere gli atti quotidiani della vita quo ante l’evento fratturativo e una minore incidenza di complicanze, di aggravamenti di condizioni cliniche pregresse già compromesse, e, soprattutto, di rifratture.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico