Economia

Come si trasformerà Facebook secondo Zuckerberg

di Redazione

Mark Zuckerberg ha dichiarato di voler trasformare Facebook da società di social media in “azienda del Metaverso”. Alla fine di giugno, Mark Zuckerberg ha detto ai dipendenti di Facebook che il social network avrebbe intrapreso un’ambiziosa missione al centro del metaverso. Anche se la direttiva sembra uscita da un film di fantascienza, l’annuncio ha serie implicazioni per il futuro e potrebbe essere più vicino alla realtà di quanto pensi. Il metaverso rappresenta essenzialmente un Internet 3D che abbraccia sia il mondo fisico che quello virtuale. Molte persone lo usano in riferimento ai videogiochi o alla realtà virtuale e la maggior parte delle aziende tecnologiche pensa che sia la prossima grande cosa che alla fine avrà successo su Internet. Zuckerberg ha detto a Casey Newton a The Verge che Facebook si sarebbe trasformato da società di social media in una “società del metaverso”, aggiungendo che le persone non erano fatte per interagire attraverso “piccoli rettangoli luminosi”. Un portavoce di Facebook ha detto a Insider Zuckerberg che non credeva che il metaverso fosse qualcosa che un’azienda potesse costruire o governare da sola. Piuttosto, è un movimento collaborativo che deve prendere in considerazione sviluppatori e comunità di creatori per avere successo, hanno aggiunto.

Facebook oltre i confini compie passi in avanti in ottica Big Tech – L’audace iniziativa di far crescere Facebook oltre i suoi confini arriva mentre il governo degli Stati Uniti compie seri passi avanti verso la regolamentazione della Big Tech. La recente introduzione di cinque leggi antitrust bipartisan potrebbe minacciare la proprietà di Facebook di Instagram e WhatsApp e limitare le acquisizioni aziendali. Anche Zuckerberg e altri leader tecnologici hanno chiesto una regolamentazione del settore. Facebook ha già investito molto nella realtà virtuale “perché è la tecnologia che offre la forma più chiara di presenza”, ha detto Zuckerberg a The Verge. Facebook Horizon, una comunità di realtà virtuale solo su invito, sembra essere l’offerta dell’azienda più vicina al metaverso. La “esperienza sociale” offerta su Oculus pubblicizza l’opportunità di “sfidare la distanza” ed “esplorare mondi virtuali mentre crescono e cambiano”. La capacità delle persone di essere esposte a opportunità al di là delle loro circostanze fisiche è particolarmente importante per Zuckerberg, che si è lamentato di non avere avuto più esposizione ai computer da bambino. Il ceo ha affermato che la società stava sviluppando qualcosa che chiamano “ufficio infinito”, che consente agli utenti di impostare il proprio posto di lavoro ideale tramite un visore VR, indipendentemente da dove si trovino.

Ridurre il concetto di distanza crea opportunità tra le persone – Zuckerberg ha aggiunto che il passaggio mondiale al lavoro ha virtualmente aumentato il valore del metaverso.”Entro cinque o dieci anni, probabilmente circa la metà dell’azienda sarà remota”, ha affermato. “Adesso raddoppiamo e assumiamo persone in tutti questi posti diversi”.

Il metaverso sta vivendo un momento. Coniato in Snow Crash, il romanzo di fantascienza di Neal Stephenson del 1992, il termine si riferisce a una convergenza di realtà fisica, aumentata e virtuale in uno spazio online condiviso. All’inizio di questo mese, il New York Times ha esplorato come aziende e prodotti tra cui Fortnite, Roblox e persino Animal Crossing: New Horizons di Epic Games avessero sempre più elementi simili al metaverso. Il ceo di Epic Games, Tim Sweeney, ha discusso del suo desiderio di contribuire a un metaverso ormai da molti mesi. Metaverso o meno, per il settore del gaming questo è un momento di grande evoluzione e di cambiamento, come abbiamo potuto vedere e riscontrare durante l’ultimo biennio, ma che già si era visto dal 2017 in poi. Il cloud gaming, l’industria dei casinò online si erano già mossi in direzione mobile, spostando la massa critica degli utenti verso altre tipologie di device con effetti ragguardevoli, che ne mostravano il potenziale e la capacità di innovare un settore sempre in crescita esponenziale.

Da azienda specializzata e incentrata sui social media ad azienda del Metaverso

Nel gennaio 2020, un saggio influente del venture capitalist Matthew Ball si proponeva di identificare le caratteristiche chiave di un metaverso. Tra questi: deve abbracciare il mondo fisico e quello virtuale; contenere un’economia a tutti gli effetti; e offrono “interoperabilità senza precedenti”: gli utenti devono essere in grado di portare i loro avatar e beni da un luogo all’altro del metaverso, indipendentemente da chi gestisce quella particolare parte di esso. Fondamentalmente, nessuna azienda gestirà il metaverso: sarà un “internet incarnato“, ha detto Zuckerberg, gestito da molti attori diversi in modo decentralizzato.

Guardando la presentazione di Zuckerberg, non riuscivo a decidere quale fosse più audace: la sua visione stessa o il suo tempismo. L’intenzione annunciata di Zuckerberg di costruire una versione più massimalista di Facebook, che abbraccia presenza sociale, lavoro d’ufficio e intrattenimento, arriva in un momento in cui il governo degli Stati Uniti sta tentando di rompere la sua attuale azienda. Un pacchetto di fatture in arrivo al Congresso potrebbe potenzialmente costringere l’azienda a lanciare Instagram e WhatsApp e limitare la capacità di Facebook di effettuare acquisizioni future o offrire servizi collegati ai suoi prodotti hardware. Ora questo è un aspetto che avrà una sensibile ricaduta non solo sui social network, ma su tutto il settore della tecnologia avanzata, come Twitch.tv, Youtube e le principali piattaforme di gaming online.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico