Cronaca

Capua, capriolo incastrato tra le sbarre di un cancello: salvato dai forestali

di Redazione

A seguito di richiesta di intervento pervenuta dalla centrale operativa, i militari della stazione forestale di Caserta si sono portati a Capua, invia Galatina, all’interno dell’area dove è ubicata la struttura della diga Enel sul Fiume Volturno. Quando i militari sono giunti sul posto hanno trovato il povero animale selvatico, ormai stremato e ferito, appartenente alla specie capriolo (nome scientifico “Capreulus capreolus”), un cucciolo di sesso maschile, rimasto incastrato tra le sbarre in ferro di un cancello. – continua sotto – 

In prossimità della strada dove è ubicato il cancello, è presente una vasta area boscata (Bosco San Vito), ricadente nelle aree della Rete Natura 2000, identificata quale sito di interesse comunitario “Monte Tifata” nonché zona speciale di conservazione (Zps). Proprio le restrittive norme ambientali introdotte, volte alla conservazione degli habitat, hanno permesso alla specie capriolo di ripopolare il rilievo collinare del Monte Tifata. Con molta probabilità, il giovane animale selvatico, a causa della mancanza di acqua, dovuta alla prolungata siccità, approfittando dell’oscurità della notte, aveva lasciato l’area boscata, al fine di raggiungere le vicine sponde del fiume Volturno, per abbeverarsi. Lungo il suo tragitto, l’animale selvatico, è rimasto incastrato all’interno delle sbarre in ferro del predetto cancello, subendo escoriazioni nella parte posteriore del corpo, dovute agli inutili tentativi del cucciolo, di liberarsi dalla soffocante stretta per liberarsi. – continua sotto – 

In via precauzionale i militari procedevano a richiedere un intervento urgente al servizio veterinario dell’Asl di Capua che, raggiungeva il posto munito di idoneo mezzo per il trasporto dell’animale ferito. Mentre i carabinieri provvedevano ad abbeverare con acqua fresca il cucciolo ferito e stremato, mantenendolo calmo, i medici veterinari procedevano ad anestetizzare il piccolo capriolo, al fine di facilitarne la liberazione. Il personale della diga, con l’uso di idonee attrezzature (smerigliatrice elettrica), procedeva al taglio della sbarra in ferro che intrappolava l’animale all’interno del cancello e subito dopo i militari, congiuntamente ai medici veterinari, liberavano il piccolo capriolo. – continua sotto – 

I medici veterinari immediatamente procedevano a prestare le prime cure al malcapitato animale che, successivamente veniva trasportato e consegnato, ai medici veterinari del C.r.i.u.v. (Centro di riferimento regionale per l’igiene urbana veterinaria di Napoli), per le ulteriori cure del caso. Dopo che avrà ricevuto le giuste cure e trascorso il periodo di riabilitazione, il cucciolo di capriolo tornerà libero e sarà nuovamente liberato in natura, proprio all’interno dell’area boscata di provenienza denominata “Bosco San Vito”, ubicata sul versante collinare del Monte Tifata. IN ALTO IL VIDEO, SOTTO UNA GALLERIA FOTOGRAFICA

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico