Cronaca

Parete, “Mo Bast”: cittadini protestano in strada contro i roghi tossici

di Redazione

Parete (Caserta) – di Franco Terracciano – Al grido di “Mo Bast” più di duecento cittadini, in pieno ferragosto, hanno esternato la loro rabbia contro i roghi e l’aria irrespirabile che opprime da giorni il territorio. Sui sagrati della chiese della Santissima Trinità e di San Pietro Apostolo, con le presenze di padre Gennaro e don Emilio Tamburrino, giovani, bambini, anziani, con in bella mostra i cartelli con la scritta “Mo bast”, hanno sostato e discusso anche sulle iniziative future per tutelare l’ambiente. – continua sotto –

Motore dell’iniziativa, che ha visto la presenza di cittadini anche di altri paesi, è stato Giovanni Papadimitra, del Comitato “Parete Basta Roghi”, che ha commentato: “La situazione dei roghi tossici, che appestano l’aria che respiriamo giorno e notte, ha messo a dura prova la salute dei cittadini e la loro psiche. Non si possono trascorrere notti intere chiusi, tappati dentro, con una puzza tremenda di materiali plastici bruciati e vedere i propri bambini che faticano a respirare. Le mamme, e non solo, ‘impazziscono’ nel vederli soffrire”. – continua sotto –

“Le Istituzioni, che dovrebbero intervenire e risolvere l’annoso problema, – continuano i promotori dell’iniziativa – mettono in campo solo timidi tentativi di operatività, piccole azioni di contrasto inconsistenti destinate a trovare solo un po’ di spazio alla propaganda. I cittadini si sentono abbandonati e delusi da parte di chi dovrebbe solamente operare per la tutela della legalità e della salute pubblica. Ecco perché abbiamo organizzato un sit-in di protesta proprio nel periodo cruciale del ferragosto”. – continua sotto –

Intanto, il Comitato “Parete Basta Roghi” annuncia, per il prossimo mese di settembre, altre eclatanti iniziative pubbliche proprio quando il paese si troverà nel pieno della battaglia per le elezioni comunali di inizio ottobre. IN ALTO UNA GALLERIA FOTOGRAFICA

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico