Società

Aversa, pini abbattuti e poi…il degrado: Via Amendola ridotta a “percorso di guerra”

di Jacopo Grassia

Aversa (Caserta) – Pini secolari abbattuti nel 2019 e poi…il degrado. Via Montale e via Amendola, due strade che erano considerate residenziali, ridotte a “percorsi di guerra”, soprattutto per quanti hanno la sventura di percorrerle a piedi. Nel 2019 furono tagliati i pini. Non stiamo qui a verificare se fu giusto o meno, ma quello che spaventa è il dopo. In via Montale risulta ancora evidente la presenza della ceppaia che rende inagibile e oltremodo pericoloso il passaggio dei pedoni. Nonostante il lungo tempo trascorso non si è a conoscenza di eventuali interventi di sostituzione né ricollocazione di ulteriori alberature specifiche e magari più adatte al territorio. – continua sotto –

Stesso discorso, e qui la documentazione fotografica (sfoglia la galleria in alto) è impietosa e dice più di tanti articoli, per via Amendola. Con un’ordinanza di qualche giorno fa, il 27 agosto scorso, il Comune di Aversa ha previsto la loro rimozione. «Nel merito, – affermano i residenti in una nota inviata a Pupia Tv – atteso che tali alberature risultano fondamentali per la fauna presente, comunque variegata, oltre a rivestire uno scopo ornamentale e ad essere funzionali per la riduzione dell’impatto dovuto all’inquinamento ambientale, si segnala e chiede se siano stati interessati dall’Ente civico Comunale al riguardo gli Enti competenti». – continua sotto –

In particolare, a preoccupare è il destino della fauna avicola. «Inoltre, – continuano i residenti – vorremmo conoscere se il Comune di Aversa possa prontamente intervenire a salvaguardare queste alberature e/o in alternativa prevedere/suggerire interventi di riqualificazione, secondo le normative vigenti, volti alla salvaguardia ed alla tutela ambientale del territorio». A preoccupare, ovviamente, il degrado che sembra essere sempre più presente in ogni angolo della città. IN ALTO UNA GALLERIA FOTOGRAFICA

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico