Home

Messina, droga in ambulanza durante lockdown: 8 arresti

Trasportavano partite di cocaina a bordo di ambulanze, libere di circolare e muoversi per la città anche nel periodo del lockdown e della zona rossa. Per questo sono state arrestate 8 persone appartenenti a una banda criminale che operava tra Messina e Catania, con propaggini a Roma e a Pescara, e che commerciava grossi quantitativi di droga. Sono stati sequestrati oltre 65 chili di marijuana. – continua sotto – 

L’operazione è stata eseguita dai finanzieri del comando provinciale di Messina, con la collaborazione dello Scico di Roma, su disposizione della Procura della Repubblica di Messina guidata da Maurizio de Lucia. Le 8 persone fermate sono indagate a vario titolo per associazione a delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti.  A capo della banda c’erano un pregiudicato vicino al clan mafioso messinese Spartà e due catanesi vicini alla cosca mafiosa Santapaola-Ercolano. L’organizzazione poteva contare anche su corrieri che curavano l’approvvigionamento e la distribuzione, in Abruzzo e Sicilia, delle partite di stupefacenti, principalmente marijuana. La merce era fornita da un pregiudicato di origini messinesi residente a Roma. – continua sotto – 

Le indagini, dirette dalla Direzione distrettuale antimafia di Messina e consistite in intercettazioni telefoniche, ambientali e attività di polizia giudiziaria, hanno consentito di ricostruire tutte le fasi del traffico: dalla pianificazione dell’approvvigionamento al trasferimento di tre carichi di sostanze stupefacenti, uno dei quali destinato a Pescara e due in Sicilia. Ricostruita anche la consegna di un primo carico di circa 25 chili di droga destinata a Pescara a un componente del noto clan rom degli Spinelli. La partita era stata procurata da due siciliani e trasportata dai corrieri dell’organizzazione criminale. Un secondo carico, di circa 30 chili di marijuana è stato fatto arrivare a Messina. In entrambe le occasioni, per il trasporto dei due carichi di droga per eludere i controlli di polizia, intensificati dalle misure restrittive per l’epidemia di Covid, l’organizzazione utilizzava l’ambulanza di una onlus messinese. Per il secondo carico, non avendo notizie del corriere e ipotizzando che fosse fuggito con la merce, i componenti della banda hanno pensato a un’azione sanguinaria nei confronti dei familiari: “Ci ammazziamo la famiglia direttamente…saliamo e la scotoliamo”, dicevano non sapendo di essere intercettati. – continua sotto – 

Una quindicina di giorni dopo i narcotrafficanti siciliani hanno organizzato un terzo carico, di circa 35 chili di marijuana, sempre da recapitare in Sicilia e poi sequestrato dagli inquirenti allo sbarco dello scalo commerciale di Tremestieri, a Messina. Le indagini, oltre ad aver scoperto un grosso traffico di droga sull’asse Roma-Pescara-Messina, hanno l’importante risvolto di aver documentato un consolidato collegamento criminale fra il noto clan pescarese Spinelli (imparentato con i clan romani dei Casamonica e degli Spada) ed esponenti dei clan siciliani. Alcuni componenti della banda erano già stati coinvolti in rapine in trasferta, nel nord Italia. IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico