Cronaca

Camorra, scontro tra clan a Poggiomarino: 26 arresti per “pizzo” e droga

di Redazione

Racket, droga, e una nuova guerra di camorra a Poggiomarino, nel Napoletano, dove un nuovo clan si contrappone alla cosca di camorra storicamente dominante, quella dei Fabbrocino. È lo scenario svelato dall’inchiesta che dalle prime luci dell’alba ha portato i carabinieri del comando provinciale di Napoli a eseguire 26 arresti tra le province di Napoli, Salerno, Imperia, Cosenza, Ancona e Reggio Emilia. – continua sotto – 

Le misure cautelari in un’ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura partenopea. Gli indagati sono gravemente indiziati, a vario titolo, di aver fatto parte di due distinte organizzazioni criminali operanti su Poggiomarino e nei comuni napoletani limitrofi, in lotta tra loro per l’egemonia sul territorio. Al sodalizio storicamente presente su quel territorio, riconducibile al clan Fabbrocino, si è affiancata e contrapposta una nuova entità criminale, con l’obiettivo di ricercare autonomi spazi delinquenziali. – continua sotto – 

In tale contesto, sono state documentate attività connesse con estorsioni e intimidazioni, anche con esplosi dei colpi d’arma da fuoco e un importante traffico di sostanze stupefacenti, con canali di approvvigionamento anche con le ‘ndrine calabresi. I carabinieri hanno anche eseguito un sequestro preventivo di beni e rapporti finanziari per un valore complessivo stimato in circa 50 milioni di euro. IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico