Cardito

Operaio morto a Carinaro, denuncia Cgil: “Biagio non svolgeva sue mansioni”

Carinaro (Caserta) –Biagio Mormile era un marito, un padre, un lavoratore, un nostro iscritto che non potrà tornare dalla moglie e dai suoi tre figli perché il 18 febbraio è rimasto ucciso mentre svolgeva il suo lavoro. Si trovava su una piattaforma a più di dieci metri a svolgere una mansione che il suo livello di inquadramento non prevedeva. Chi l’ha mandato lì?”. E’ la denuncia di Matteo Coppola, segretario generale Cgil Caserta, e Irene Velotti, segretaria generale Fillea Cgil, all’indomani della morte del 57enne operaio di Cardito (Napoli), Biagio Mormile, volato giù dal cestello elevatore di un camion sul quale stava effettuando la tinteggiatura di pareti in un magazzino situato nella zona industriale di Carinaro (Caserta). – continua sotto – 

“Quanto accaduto giovedì a Carinaro – commentano Velotti e Coppola – è l’ennesima impietosa dimostrazione di quanto ci sia bisogno nella nostra provincia di una maggiore, reale, attenzione ai temi della sicurezza sul lavoro anche e soprattutto nel settore dell’edilizia, tra i più colpiti da quella che è ormai una vera e propria strage che continua da anni”. “È imperativo – proseguono i due esponenti della Cgil – che le istituzioni e le aziende diano immediata attuazione ai protocolli sulla sicurezza. La nostra provincia continua ad avere tra i più alti tassi di incidenti mortali, anche in un periodo già segnato da una pandemia che ha tra le sue vittime decine di lavoratori ammalatisi sul luogo sul lavoro. Tutto ciò non è accettabile. È giunto il momento di una assunzione di responsabilità di tutte le istituzione e le associazioni datoriali per la verifica delle condizioni di sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori, lo si deve a Biagio e a tutti i morti sul lavoro”. – continua sotto – 

La Cgil – concludono i dirigenti sindacali – si stringe intorno alla famiglia Mormile e alla moglie e ai figli fornirà tutta l’assistenza necessaria. Ci auguriamo che per il nuovo governo la sicurezza e la qualità del lavoro, in edilizia e in tutti i settori, saranno centrali.  Solo questa potrà essere la chiave di uno sviluppo basato sui diritti e la tutela dei lavoratori”.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico