Napoli

Cutolo, il figlio di Giuseppe Salvia: “Assurdo che ci sia ancora chi lo idolatri”

Aveva tre anni Claudio Salvia quando un commando della camorra il 14 aprile del 1981 uccideva suo padre, sulla tangenziale di Napoli, per ordine di Raffaele Cutolo. Ricorda poco di quei giorni, il figlio minore dell’ex vice direttore del carcere di Poggioreale, Giuseppe Salvia, assassinato come punizione per aver fatto perquisire la cella del capo della nuova camorra organizzata. – continua sotto – 

La notizia della morte nel carcere di Parma di Cutolo, all’età di 79 anni, non sembra averlo turbato più di tanto, così le polemiche per la richiesta di sepoltura nella sua Ottaviano avanzata dalla moglie e dalla figlia. Ciò che ha scosso di più Claudio Salvia è che web e televisioni hanno mostrato come ancora oggi ci sia chi lo ricordi come un benefattore alla “Robin Hood”, una figura da esaltare. – continua sotto – 

Cutolo ha vissuto sottoposto al regime del carcere duro imposto dal 41 bis fino all’ultimo giorno. Anche in questo caso si sono creati due fronti, tra chi riteneva fosse un accanimento inutile per un uomo vecchio e senza più alcun potere e chi no. IN ALTO IL VIDEO di “Videoinformazioni” 

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico