Cronaca

Aste giudiziarie controllate dalla camorra: 7 arresti nel Napoletano

di Redazione

Afragola (Napoli) – Atti intimidatori per influenzare l’esito di almeno tre aste giudiziarie e assicurare un controllo camorristico. E’ quanto hanno scoperto gli investigatori della polizia e della Direzione distrettuale antimafia che contestano a sette persone i reati, aggravati dal metodo mafioso, di turbata libertà degli incanti, estorsione, detenzione e porto di armi da fuoco clandestine. – continua sotto – 

Tra gli indagati figura un elemento ritenuto dagli inquirenti storicamente vicino al clan Moccia di Afragola, Antonio Lucci, 56 anni, finito in carcere insieme a Ferdinando Lucci, 31 anni, di Napoli; Pasquale D’Auria, 59, di Arzano; Massimo Gazzerro, 51, di Afragola; Rocco Fatale, 54, di Cardito; e Ciro Lucci, 25, di Napoli. Ai domiciliari Vincenzo Rodondini, 53 anni, di Afragola. – continua sotto – 

Dalle indagini è emerso che i partecipanti alle aste finiti nella morsa della camorra, attraverso minacce, sono stati obbligati ad abbandonare oppure a pagare una tangente. L’episodio più cruento risale allo scorso 25 novembre quando gli estorsori hanno intimidito i partecipanti a un’asta in corso presso uno studio notarile di Napoli affinché desistessero o, in alternativa, versassero un prezzo per l’acquisto. Immobili, come poi emerso, che si trovano tra Afragola e Casoria, popolosi comuni alle porte di Napoli dove, secondo la Dda, è presente il clan dei Moccia. La persona aggiudicataria dell’immobile che non aveva ceduto alle pressione degli estorsori fu vittima di un vero e proprio attentato, perpetrato prima con minacce poi con cinque colpi d’arma da fuoco esplosi contro il portone d’ingresso della sua abitazione. Il secondo concorrente, dopo le minacce, è stato costretto a versare 20mila euro. – continua sotto – 

La seconda asta finita sotto indagine, tenutasi lo scorso 2 dicembre in uno studio professionale di Aversa (Caserta), andò invece deserta a causa delle minacce dei malviventi che così intendevano far calare la base d’offerta. Il giorno dopo, il 3 dicembre, a subire le intimidazioni è stata una persona che aveva acquisito un immobile in un’asta presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico