Home

Sanità Calabria, Gaudio si dimette da commissario. Strada: “Mai ricevuto proposte formali”

Il neocommissario alla Sanità in Calabria Eugenio Gaudio ha rinunciato al suo incarico, affidatogli solo lunedì sera dal Consiglio dei ministri. Lo ha detto lo stesso ex rettore dell’Università “La Sapienza” spiegando di aver preso questa decisione per “motivi personali”. “Mia moglie – ha chiarito – non ha intenzione di trasferirsi a Catanzaro. Un lavoro del genere va affrontato con il massimo impegno e non ho intenzione di aprire una crisi familiare”. – continua sotto –

Alla domanda di Repubblica se sarebbe stato in grado di guidare la sanità calabrese, Gaudio ha risposto: “Mi sarei voluto provare, è un impegno gravoso ma mi sono sempre messo a disposizione del servizio pubblico. Ho trovato resistenze in casa, e a questo mi piego. L’ho detto per tempo al ministro”. “La scelta è mia, non posso fare il commissario della Sanità in Calabria. Non vado in pensione. Continuo a insegnare, un mestiere meraviglioso. I miei due corsi di Medicina. E poi sono consulente del ministro Manfredi e continuo a dirigere l’osservatorio delle scuole di specializzazione di Medicina”, ha concluso. Intanto, da fonti del ministro della Salute si apprende che “nessun colloquio ha avuto luogo tra l’ex rettore della Sapienza, Eugenio Gaudio, ed il ministro della Salute, Roberto Speranza“. – continua sotto –

L’inchiesta di Catania – Alle notizie sul suo coinvolgimento dell’inchiesta sull’Università di Catania Gaudio ha spiegato: “Sono sempre colpito dall’imbarbarimento della politica. Le do una notizia in proposito: il procuratore di Catania ha appena fatto sapere al mio avvocato che è andato a depositare la richiesta di archiviazione per il mio presunto abuso di ufficio”.  “Mio fratello ieri si era riservato di decidere. Poi la sua nomina è stata data per certa ma in realtà lui non aveva accettato”. A dirlo è Roberto Gaudio, fratello di Eugenio. “Noi avevamo dei dubbi – ha proseguito Roberto Gaudio – perché per mio fratello significava lasciare la sua vita a Roma e trasferirsi qui in Calabria”.  – continua sotto –

Gino Strada: “Nessuno ha mai fatto proposte formali” – “Leggo da un’agenzia di stampa che non sarei disponibile a fare il commissario in Calabria. Ribadisco – perché evidentemente serve farlo ancora – che non ho ricevuto nessuna proposta formale e che comunicherò personalmente le mie decisioni attraverso i canali ufficiali se ci sarà qualcosa di reale e concreto da comunicare”. Lo scrive Gino Strada su Facebook. “Mi sembra che la situazione sia già abbastanza difficile per i cittadini calabresi senza che diventi anche grottesca”, aggiunge. – continua sotto –

Spirlì: “Basta, Speranza si dimetta” – “E’ un momento di particolare imbarazzo. Deve finire questo commissariamento della sanità e soprattutto, adesso si può dimettere veramente il ministro Speranza”. Questo il commento del presidente della Regione Calabria Nino Spirlì a proposito della rinuncia di Gaudio al ruolo di commissario della sanità in Calabria. “Ho incontrato più volte Speranza – ha aggiunto – ed è una persona gradevolissima ma sta dimostrando un’imbarazzante incapacità di gestire la cosiddetta ‘operazione Calabria’. Sembra che la sordità che in queste ore dimostrano a Roma stia veramente producendo una beffa oltre al danno e questo non lo merita nessun calabrese. Non lo meritano tutti quelli che sono a rischio assalto Covid. Non abbiamo ancora attivo un piano di contrasto al virus”.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico