Cronaca

Whirlpool, lavoratori protestano a Roma con il “funerale della lavatrice”

di Redazione

Va in scena a Roma lo sciopero nazionale dei lavoratori della Whirlpool proclamato da Fiom, Uilm e Fim contro la decisione dell’azienda di cedere lo stabilimento di Napoli dove sono impiegati oltre 400 dipendenti. I lavoratori sono giunti in autobus da Campania, Toscana e Marche: in 1500, da piazza della Repubblica, dove si sono radunati, hanno raggiunto la sede del Ministero dello Sviluppo Economico. In testa al corteo il “funerale della lavatrice”, con quattro lavoratori a portare una lavatrice con sopra una croce.

La protesta nasce contro la scelta dell’azienda di avviare la procedura di cessione dello stabilimento napoletano di via Argine, dove si producono lavatrici, a Prs (Passive Refrigeration Solutions), società con sede legale a Lugano, in Svizzera. Un atto “in aperta violazione dell’accordo di ottobre 2018”, ribadiscono i sindacati, che chiedono all’azienda di ritirare la procedura e sedersi al tavolo per ripartire dall’accordo di ottobre scorso che parlava “di investimenti e non di cessioni”.

A sfilare insieme ai lavoratori anche il segretario della Cgil Maurizio Landini. “Penso sia necessario che la multinazionale prenda atto che così non si va da nessuna parte. – ha detto Landini – E’ necessario che le decisioni che ha preso siano sospese e sia possibile riaprire una trattativa vera. Il nostro obiettivo – spiega il numero uno del sindacato – è molto chiaro: c’è un accordo che va rispettato e non si può parlare né di chiusure né di licenziamenti, si devono invece trovare soluzioni che siano in grado di dare garanzie perché un’azienda che chiude è persa per sempre. E noi non siamo disponibili ad accettare che napoli e il mezzogiorno paghino un prezzo tale”.

Per Landini una multinazionale come Whirlpool “deve essere esplicita e chiara nei confronti del governo e del paese, non vediamo ragioni di mercato che portino al disimpegno in italia, non si può passare da accordi firmati al ministero a pensare che ciò che si è detto sia carta straccia. C’è un problema di affidabilità e rispetto dei lavoratori”. Poi l’appello: “il governo deve svolgere il proprio ruolo con strumenti di politica industriale, il ministro e il governo superino il ruolo di soggetti che gestiscono singole crisi”.

IN ALTO IL VIDEO, SOTTO ALTRE IMMAGINI 

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico