Cronaca

Napoli, ancora formiche al San Giovanni Bosco. E una dottoressa viene picchiata nella notte

di Redazione

Ancora formiche all’ospedale “San Giovanni Bosco” di Napoli. Questa volta gli insetti sono comparsi nell’area dedicata ai codici verdi del Pronto soccorso. Il fatto è avvenuto due giorni fa ed è già stata eseguita dall’Asl un’operazione di bonifica. Al momento, sono in corso delle verifiche per accertare le cause della presenza degli insetti. Dopo i casi dei mesi scorsi si è anche valutata l’ipotesi del dolo.

La direzione generale dell’Asl Napoli 1 Centro, riporta Il Mattino, “rasserena dipendenti e utenti su una paventata recrudescenza dell’allarme formiche, esploso mesi fa”. “I timori si sono manifestati a causa della presenza, nel pomeriggio sempre del 20 agosto, delle formiche – si legge in una nota della stessa Asl – nell’area di codice verde del pronto soccorso. L’immediato intervento del personale, con una profonda attività di sanificazione e bonifica, ha riportato la situazione nei canoni della normalità senza alcun disservizio per l’utenza”.

Dottoressa aggredita da alcune donne – Intanto, al San Giovanni Bosco si verifica anche un caso di aggressione al personale. Un chirurgo è stato picchiato la scorsa notte mentre stava svolgendo la consulenza in pronto soccorso. La vittima, una dottoressa, a causa della violenza subita avrà una convalescenza di almeno trenta giorni per un trauma facciale. Ad aggredirla sarebbero state alcune donne che si erano introdotte nel pronto soccorso aggirando i divieti.

“L’aggressione di questa notte è un gesto vile e indegno. Ho sentito la dottoressa e le ho personalmente garantito che l’azienda è e sarà al suo fianco anche in tribunale. Niente può giustificare quanto accaduto, un fatto che al di là del trauma fisico ed emotivo cagionato, mette a rischio l’assistenza”, ha commentato il direttore generale dell’Asl Napoli 1 Centro, Ciro Verdoliva. “Chi ha aggredito la dottoressa – ha aggiunto Verdoliva – ha aggredito ciascun medico, ciascuna infermiera e operatore dell’Asl Napoli 1 Centro, ma soprattutto ha tolto ad altri pazienti il diritto di essere assistiti”. La direzione generale dell’Asl ha già avviato una verifica interna volta a ricostruire quanto accaduto.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico