Politica

Aversa, incendio alla Maddalena. M5S: “Giacimento di storia e cultura rischia di scomparire”

di Redazione

“E’ veramente vergognoso lo stato di abbandono e di degrado in cui versa tutta la vasta area, un autentico giacimento culturale che rischia di sparire”.  Così il Movimento 5 Stelle di Aversa dopo l’incendio doloso che martedì sera, all’interno del complesso della Maddalena, si è sviluppato in un pozzo nell’area della vecchia falegnameria, oggi occupata da un centro sociale (guarda il video).

“Un giacimento fatto di storia, di arte, di cultura, di scienza e di natura. – continuano i penstastellati – Un’area di oltre 20 ettari la cui fondazione risale al 1269 per volere di re Carlo I d’Angiò e nella quale insistono l’ex Ospedale Psichiatrico, primo manicomio d’Italia, l’ex Convento e Chiesa della Maddalena e una vasta area di giardini, autentico polmone verde per la città. Un’area che si dovrebbe tutelare nella sua interezza ma che si trova in uno stato di totale abbandono e disfacimento, nonostante racchiuda in sé tesori d’arte e gli archivi manicomiali, importanti non solo per l’aspetto clinico-scientifico, ma anche per quello storico, economico, sociologico, e antropologico”.

La proprietà dell’area è quasi esclusivamente dell’Asl di Caserta, ad eccezione del padiglione “Leonardo Bianchi” che il Comune di Aversa ha acquistato per oltre un milione di euro, ma ad oggi completamente abbandonato e occupato da senzatetto. Il M5S annuncia che si impegnerà, “così come fin dal primo momento ha fatto, a sensibilizzare cittadini e istituzioni, in primis il Comune di Aversa in persona del sindaco, il Ministero dei beni culturali in persona del ministro, la Soprintendenza per le province di Caserta e Benevento affinché lo scempio della Maddalena finisca al più presto”.

IN ALTO UNA GALLERIA DI IMMAGINI (attendere caricamento…)

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico