Cronaca

Palermo, blitz antidroga allo Zen: affari gestiti dal carcere con “pizzini”

di Redazione

Smantellata una piazza di spaccio di droga, a conduzione familiare, allo Zen di Palermo. A capo dell’organizzazione un detenuto che dal carcere dava ordini con “pizzini” ai familiari. I carabinieri della stazione di Palermo di San Filippo Neri hanno oggi eseguito un’ordinanza di applicazione di tre misure cautelari in carcere, tre obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria e una misura provvisoria di sicurezza della libertà vigilata. Gli arrestati sono i fratelli Davide ed Antonj Arizzi, di 26 e 27 anni, e Semire Ben Dhaou, di 21. Il gip ha invece disposto la misura cautelare dell’obbligo di firma per: Carmelo Arizzi, 59 anni, Chiara Giuseppa Arizzi, di 29, e Santa Lo Iacono, di 56; libertà vigilata per Giovanni Palazzolo, 30 anni. Tutti sono accusati di detenzione illecita di ingenti quantità di stupefacenti.

Le attività investigative sono state avviate nell’aprile 2017, quando i militari hanno eseguito un arresto in flagranza di reato nei confronti di Davide Arizzi, trovando ben due chili di marijuana, 400 grammi di hashish e 18 grammi di cocaina e a vario materiale necessario per il confezionamento in dosi, in un appartamento allo Zen, vicino alla stazione dei carabinieri. I militari hanno avviato un’attività di intercettazioni telefoniche ed ambientali. La famiglia Arizzi gestiva un mini-market della droga in cui ognuno aveva un ruolo che andava dal reperire fondi per l’acquisto all’ingrosso della droga a smerciarla. La famiglia era aiutata anche   da persone estranee al nucleo familiare, come Semire Ben Dhaou. A dare ordini anche dal carcere è sempre stato Davide Arizzi, che ha dato disposizioni al fratello Antonij per far proseguire la coltivazione di piante di marijuana.

I carabinieri hanno scoperto all’interno di un cunicolo situato al di sotto di un padiglione dello Zen, di fianco alla caserma, una botola ricavata sul pavimento di un vano condominiale, che formava un passaggio sotterraneo di collegamento con il locale dove erano custodite ben venti piante di marijuana dall’altezza di un metro circa, con lampade e reattori, impianti di condizionamento ed aspirazione. I militari hanno trovato anche venti dosi di cocaina, circa 800 grammi di marijuana e quasi 1,5 chili di hashish. Ed è proprio per la scoperta di questa piantagione di marijuana sotterranea che l’indagine prende il nome “Under square”.

E’ stato trovato anche un pizzino addosso a Santa Lo Iacono Santa, madre di Davide Arizzi, consegnatole dal figlio detenuto in occasione di un colloquio in carcere. Nel foglietto c’erano scritte le informazioni per risalire alla grande quantità di stupefacente, nascosto in un cunicolo sotterraneo del padiglione dello Zen. Nell’ultima fase l’impero degli Arizzi era in fase discendente. Così Antonj Arizzi insieme a Semire Ben Dhaou e Giovanni Palazzolo stavano pianificando di rapinare un centro scommesse a Balestrate a causa della mancanza di denaro derivante dai numerosi sequestri.

IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico