Cronaca

Mafia, decapitata la cosca catanese di Adrano: 33 arresti

di Redazione

Sono 33 le persone arrestate dalla Polizia di Stato a partire dalle prime ore del mattino in un’operazione condotta dalla Procura Distrettuale antimafia di Catania. Sono ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, rapina, furto con l’aggravante di commesso il fatto in nome e per conto del clan Santangelo “Taccuni”, con l’obiettivo di agevolare le attività illecite della cosca.

Le indagini, culminate nell’operazione “Adranos”, si sono avvalse di intercettazioni telefoniche e ambientali, osservazioni e pedinamenti sul territorio e delle dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia. La cosca di Adrano (paese nella città metropolitana di Catania) si era alleata della famiglia catanese Santapaola-Ercolano. Nel corso delle indagini è emerso infatti come l’organizzazione mafiosa e l’avversa cosca degli Scalisi, dopo anni di aperta contrapposizione avessero raggiunto un’intesa per la divisione dei proventi derivanti dalle attività illecite.

Le due organizzazioni controllano il locale mercato ortofrutticolo e quello all’ingrosso di carne, imponendo il “pizzo”. Sono state accertate alcune estorsioni ai danni di aziende ed esercizi commerciali, rapine e furti: in un caso è stato rubato un bancomat dopo averlo scardinato dalla parete, per un bottino di 75mila euro. Le inchieste hanno fatto emergere anche un vasto traffico di cocaina, eroina, marijuana e hashish.

Due destinatari della misura restrittiva sono irreperibili perché all’estero. Tra gli arrestati c’è anche un poliziotto, accusato di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti. È un assistente capo della Polizia di Stato in servizio al Commissariato di Adrano, già sospeso dal servizio perché finito in manette il 26 aprile 2016 per trasporto e detenzione di droga. Secondo gli inquirenti, l’agente trafficava droga per conto del boss Alfio Santangelo.

IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico