Cronaca

Scontro fra treni in Puglia, un anno fa morirono 23 persone. I parenti delle vittime reclamano giustizia

di Redazione

“Il 12 luglio diventi per sempre la giornata per la sicurezza dei trasporti, affinché tutti ricordino e nessuno debba più morire”. E’ questo l’appello rivolto alla Regione Puglia dai parenti delle vittime dello scontro tra treni avvenuto un anno fa tra Andria e Corato. “E’ importante capire che la sicurezza nei trasporti non è un gioco: le leggi vanno applicate senza se e senza ma”, ha affermato la figlia di una delle 23 vittime.

Probabilmente furono proprio carenze sulla sicurezza a causare lo scontro, o meglio, come ipotizzato dalla magistratura tranese, “a non impedirlo”. L’indagine della Procura di Trani è ormai alle battute finali. “Non vediamo l’ora di leggere i nomi degli imputati, perché di indagati non ne vogliamo più sapere”, ha dichiarato ancora Daniela Castellano.

A un anno esatto dalla strage, le città di Andria e Corato ricordano le vittime dell’incidente ferroviario con 23 rintocchi di campane e messe di suffragio. A Corato in particolare, nella piazza antistante la stazione delle Ferrovie del Nord barese, è stata intitolata una targa alle “vittime dell’incidente ferroviario del 12 luglio 2016”.

IL MESSAGGIO DI MATTARELLA – Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in un messaggio diffuso nel giorno dell’anniversario, ha chiesto giustizia. “L’incalzante domanda di giustizia che sale dalle famiglie è avvertita e fatta propria dall’intera comunità nazionale – ha affermato il Capo dello Stato – desidero rinnovare a tutti i familiari delle vittime i più sinceri sentimenti di vicinanza degli italiani e miei personali”. “Un anno fa – prosegue Mattarella – incontrando superstiti e soccorritori, ho potuto constatare la generosità del popolo pugliese accorso a donare il sangue per i feriti, e ho raccolto gli appelli per avere la verità su quanto accaduto e individuare i responsabili del disastro. È stata una tragedia inammissibile sulla quale la magistratura sta indagando per accertare con accuratezza colpe ed eventuali carenze che ne sono state alla base”.

L’INDAGINE – Secondo quanto riportato dalla Procura di Trani, le conclusioni dell’inchiesta sulla strage del 12 luglio 2016 riportano queste cause all’origine dell’incidente: errori umani, sistemi di sicurezza obsoleti e problemi organizzativi. Il punto sulle indagini circa lo scontro dell’ET 1021 partito da Andria e diretto a Corato e l’ET 1016 diretto da Corato ad Andria, è stato fatto da Francesco Giannella, ex procuratore aggiunto di Trani, dagli investigatori della squadra mobile del Noif (nucleo operativo incidenti ferroviari) e dai periti nominati dalla Procura.

Tra gli indagati – 13 persone – ci sono dipendenti, manager e vertici della Ferrotramiviaria S.p.A.: il capotreno del convoglio partito da Andria, Nicola Lorizzo, i due capistazione di Andria e Corato, Vito Piccarreta e Alessio Porcelli, in servizio durante lo scontro, il direttore generale dell’azienda, Massimo Nitti, il direttore di esercizio Michele Ronchi, e la presidente di Ferrotramviaria Gloria Pasquini. A queste primi sei nomi, se ne sono aggiunti altri sette con l’ipotesi di rimozione od omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro. Le accuse: disastro colposo, lesioni e omicidio colposo plurimo. Principale “imputato” della tragedia, il sistema del blocco telefonico, considerato obsoleto e insicuro, nonostante le dichiarazioni dei vertici l’indomani dello scontro.

Le indagini hanno scandagliato ogni prova a disposizione. Sono state eseguite perizie su scatole nere, pc e telefonini. Il 25 aprile è stata anche effettuata una ricostruzione dell’incidente, con due convogli che hanno percorso il binario unico partendo da Andria e Corato, eseguendo lo stesso tragitto del giorno dell’incidente. Con questi elementi, gli inquirenti stanno per chiudere l’inchiesta, prima di procedere al processo.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico