Sport

Benevento, gli “stregoni” in Serie A: un sogno lungo 88 anni

di Redazione

E’ la notte delle streghe. Al triplice fischio, un’esplosione di gioia invade le strade della città: il Benevento è in serie A. Un traguardo unico nella storia del calcio italiano. I giallorossi allenati da Marco Baroni sono i primi ad aver conquistato la massima serie dopo appena un anno dalla promozione in cadetteria.

Questa volta i playoff non sono stati stregati, dopo anni e anni di fallimenti per riuscire ad approdare al campionato di serie B dalla Lega Pro. Dopo due anni di costanza, determinazione e bel gioco, il Benevento è nel calcio che conta. Al “Ciro Vigorito”, in uno stadio tutto esaurito, la squadra di Baroni ha superato nel doppio confronto il Carpi e si è issata lassù, dove nessuno avrebbe osato sognare.

Benevento e l’intero Sannio vedono avverarsi un sogno: la promozione in Serie A, toccata con mano per la prima volta, dopo 88 anni di storia. Gioia incontenibile per il presidente del Benevento Oreste Vigorito: “La promozione era una promessa, lo avevo detto che ci avremmo provato sempre. Siamo stati bravi a scegliere l’allenatore, siamo stati bravi a non esaltarci quando giocavamo il miglior calcio della B e anche a non deprimerci. Andiamo in A per restarci, non certo per tornare indietro”.

Il merito è del gruppo: i gol di Ceravolo, le giocate di Falco e Ciciretti, la leadership di Lucioni in difesa e la regia sapiente di Viola a centrocampo, con la fisicità esplosiva di Chibsah, Puscas e di mister Baroni, autore di un vero e proprio miracolo. Ma è anche la vittoria di Carmelo Imbriani, indimenticato giocatore, sempre presente nei cuori dei tifosi sanniti.

IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico