Campania

Case Abusive in Campania, Forza Italia: “No ad abbattimenti”

Napoli – Forza Italia torna a interessarsi di abbattimenti e abusivismo, convocando una conferenza nella sede del coordinamento regionale di Forza Italia di piazza Bovio, a Napoli.

Illustrati i prossimi, determinanti passaggi ottenuti dal partito di Berlusconi per sbloccare l’iter di una proposta di legge che è stata già approvata al Senato e che giace però da due anni nei cassetti della commissione Giustizia della Camera.

Tra i presenti Pina Castiello, Carlo Sarro e Paolo Russo. Il riferimento, ad ogni modo, è al disegno di legge che porta il nome del senatore Carlo Falanga, atteso all’esame della Camera per il prossimo marzo, quando è stato calendarizzato. Si tratta del disegno di legge numero 1994, che veicola “disposizioni in materia di criteri di priorità per l’esecuzione di procedure di demolizione di manufatti abusivi”.

In caso di pluralità di demolizioni si dovrà procedere secondo le seguenti priorità: gli immobili che costituiscono pericolo già accertato per la pubblica o privata incolumità, anche nel caso in cui l’immobile sia abitato o utilizzato; quelli in costruzione o comunque non ultimati; quelli anche abusivamente occupati, utilizzati per lo svolgimento di attività criminali; quelli nella disponibilità di soggetti condannati per reati mafiosi o colpiti da misure irrevocabili di prevenzione, anche se nella disponibilità di componenti della famiglia, purché non confiscati; immobili di rilevante impatto ambientale o costruiti su area demaniale o in zona soggetta a vincolo ambientale e paesaggistico ovvero a vincolo idrogeologico o archeologico; immobili di complessi o villaggi turistici o comunque oggetto di lottizzazione abusiva; seconde case o case vacanza; immobili adibiti ad attività produttive industriali o commerciali; immobili abitati la cui titolarità sia in capo a soggetti appartenenti ad altri nuclei familiari che dispongano di altra soluzione abitativa; altri immobili non compresi nelle precedenti categorie, ad eccezione di quelli di cui alla lettera; immobili abitati, la cui titolarità sia riconducibile a soggetti che non dispongono di altre soluzioni abitative, con contestuale comunicazione alle competenti amministrazioni comunali, in caso si tratti di soggetti indigenti.

You must be logged in to post a comment Login

I nostri Video

News Recenti

Condividi con un amico