Società

Napoli, trapianti di cuore: i genitori scrivono a De Luca

di Redazione

Napoli – Una trentina di genitori di bimbi e ragazzi che hanno avuto un trapianto di cuore e sono stati seguiti all’ospedale Monaldi di Napoli, per l’intervento salvavita, hanno inviato una petizione all’indirizzo del governatore Vincenzo De Luca. “Per noi – sottolineano con orgoglio ed emozione – nessun viaggio della speranza, nessuna dispersione di risorse per la sanità regionale, la possibilità di avere accanto i propri cari e dunque bassi costi sociali, oltre alla cosa più importante: i nostri figli salvi”.

In particolare, i genitori chiedono a De Luca che sia garantita al Monaldi l’assistenza in emergenza, e non solo tramite il ricovero programmato in day hospital. “Altrimenti, i trapiantati finiscono in un qualunque pronto soccorso senza avere diretta indicazione da parte degli esperti del settore”.

E sottolineano quanto sia importante provvedere a “un’assistenza integrata”, sempre in ospedale. “Un’assistenza che, invece, ora grava solo sulla dedizione di chi lavora con competenza e passione”, avvisano le famiglie, che invocano “una riorganizzazione anche degli spazi del reparto, della terapia intensiva e della riabilitazione, dove poter ricoverare pazienti tenendo presente la diversità d’età”.

Tutte misure necessarie per fermare i “viaggi della speranza” verso il Nord e per garantire più umanità nelle cure: “Se c’è volontà politica e gestionale, si può”.

L’appello è accompagnato da una petizione popolare lanciata sul sito www.change.org dove sono già più di 500 le firme raccolte in poche ore.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico