Società

Gragnano, apre il pastificio “Il Mulino”

di Redazione

Gragnano (Napoli) – Un Pastificio nato da un’omelia, come lo ha definito il periodico Sovvenire. Parliamo de “Il Mulino” di Gragnano, inaugurato con un “open day” e terminato con una tavola rotonda dal titolo “Una città vera vive di solidarietà, unica via per dare credito alla speranza”.

A moderare Flora Porreca, animatrice di comunità di Progetto Policoro Arcidiocesi Sorrento – Castellammare di Stabia; alla presenza di monsignor Francesco Alfano, arcivescovo di Sorrento – Castellammare di Stabia, e monsignor Fabiano Longoni, direttore nazionale dell’Ufficio dei problemi sociali e del lavoro della Conferenza Episcopale Italiana.

Un pastificio artigianale che porta il nome di Francesca, Raffaele, Agostino, Alfredo, Christian e Luigi, tutti tra i 21 e i 28 anni. Il Mulino di Gragnano è il brand scelto, quasi a voler rafforzare indissolubilmente il legame con i luoghi e con la storia di un’arte che ha reso la città di Gragnano famosa nel mondo per la sua pasta.

L’attività imprenditoriale nasce su impulso di don Luigi Milano e don Alessandro Colasanto, rispettivamente parroco e vicario parrocchiale della Comunità Parrocchiale San Leone II. Sei amici che in parrocchia decidono di mettersi in gioco e vincere crisi e disoccupazione. Sei amici che quando entrano nel vivo della cosa si trovano a fare i conti con mille difficoltà. Ma “ogni difficoltà è una risorsa”, sostiene don Alessandro, 28 anni, responsabile diocesano del Progetto Policoro (il percorso Cei di istruzione dei giovani nella creazione di cooperative, finanziato con 1 milione di euro l’anno dall’8xmille), oltre che, come già detto, vicario parrocchiale della Parrocchia San Leone II.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico