Cronaca

Roma, sesso con minorenni sui treni: sgominato giro di prostituzione

di Redazione

Roma – Smascherato alla stazione Termini di Roma un giro di prostituzione minorile con sette ordinanze di custodia cautelare, una in carcere e sei ai domiciliari, eseguite tra Roma, Rieti e Vigevano (Pavia). 17 gli indagati in totale, residenti tra la Capitale e le province di Rieti e Viterbo, mentre un altro dei destinatari della misura di arresto risulta al momento irreperibile. Un altro, ottantenne, invece è nel frattempo deceduto.

Secondo le indagini condotte dalla polizia ferroviaria del principale scalo romano, la stazione era utilizzata come punto strategico da parte di uomini di 35-40 anni, ma ci sono anche ultrasettantenni e un ottantenne, per adescare e consumare rapporti sessuali con ragazzini, maschi e femmine dai 13 ai 17 anni, per la maggior parte di etnia rom, a pochi passi dai treni, dai viaggiatori e nei bagni della stazione.

Gli uomini usavano avvicinarsi alle scale mobili dove attendevano l’arrivo dei minori contattandoli di persona o telefonicamente. Non a caso l’operazione è stata battezzata “Meeting Point”, punto d’incontro. Il sistema funzionava tramite passaparola. Gli incontri avvenivano sul lato destro della stazione, nelle vicinanze di via Giolitti, mentre i rapporti sessuali si consumavano a bordo di treni in lunga sosta, nei bagni pubblici della stazione o di esercizi commerciali ma anche in abitazioni private. I compensi variavano dai 10 ai 50 euro a prestazione.

I minori sono stati affidati ai servizi sociali. Intanto, proseguono le indagini per identificare ulteriori responsabile del giro di baby squillo.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico