Cronaca

Aumento salario, Lsu tornano in agitazione: “Vogliamo risposte”

di Redazione

 Marcianise. I lavoratori socialmente utili di Marcianise, rappresentanti da Angelo Iodice Macagliano, del coordinamento Felsa Cisl Caserta, sono di nuovo in agitazione.

Nel precedente incontro del 30 aprile scorso si era individuato un percorso che permetteva un aumento salariale pari al netto di un dipendente comunale di pari livello. Tale soluzione aveva avuto l’appoggio sia del segretario del momento, Pasquale Foglia, che della parte politica. Il tavolo si era interrotto per un problema amministrativo da chiarire con la Regione Campania. Da allora sono cambiati il segretario generale e l’assessore al Personale.

“Per questo motivo – spiega Iodice Macagliano – prima di andare in Regione, e aver disdetto due appuntamenti presi dal sindacato Felsa Cisl, per chiarire questi problemi amministrativi abbiamo richiesto un incontro con i nuovi dirigenti e metterli al corrente del percorso fino ad oggi attuato. Ad oggi non abbiamo ricevuto risposta. Tale atteggiamento evidenzia la mancanza di interessamento su una problematica così delicata: quella degli Lsu”.

“A dire dell’amministrazione, – continua il rappresentante della Cisl – nei precedenti incontri, si è evidenziato l’indispensabile apporto, e non supporto (come dovrebbe essere), dei Lsu nella gestione dei servizi amministrativi comunali. Il precedente segretario dichiarò: ‘Senza gli Lsu il comune non può garantire i servizi’”.

La mancanza di convocazione per un incontro con i nuovi dirigenti vede, quindi, i lavoratori costretti a dichiarare un nuovo stato di agitazione. “Se per fine settimana non avremo nessuna convocazione saremo costretti ad incrociare di nuovo le braccia”, conclude Iodice Macagliano.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico