Cronaca

Sequestrato il mercato ortofrutticolo

di Redazione

 Maddaloni. Nella mattinata di martedì 21 gennaio, i carabinieri della compagnia di Maddaloni e del Nucleo Antisofisticazioni (Nas) di Caserta, hanno eseguito un controllo al mercato ortofrutticolo di Maddaloni, di proprietà comunale, in via Cancello.

Le verifiche effettuate hanno permesso di riscontrare numerose irregolarità sanitarie, strutturali e gravi violazioni alla normativa dei rifiuti in materia di raccolta differenziata. Il mercato venne autorizzato, per motivi di ordine pubblico, solo nel 1991 quando fu occupato abusivamente da alcuni commercianti, ma da quella data non si è mai provveduto alla regolarizzazione delle autorizzazioni previste per lo svolgimento dell’attività. Relativamente alle condizioni strutturali e igienico-sanitarie si è rilevato: la presenza di rifiuti (ferrosi e pneumatici) nei pressi delle botteghe adibite alla vendita della frutta; che le operazioni di scarico e carico non avvengono in aree dedicate in modo da evitare pericoli di inquinamento degli alimenti; che tutti i box all’interno della struttura versano in condizioni igienico sanitarie precarie e fatiscenti; che le due uscite d’emergenza sono state occupate abusivamente da concessionari; la presenza di strutture pericolanti che non garantiscono sicurezza alle persone che lavorano all’interno dell’area.

Le violazioni di carattere penale riguardano la raccolta differenziata, degli scarti dei prodotti ortofrutticoli, imballaggi in plastica e cartoni, che non viene effettuata. Nell’area sono presenti numerosi cassonetti in disuso i quali vengono impropriamente utilizzati. Per le inosservanze esposte è stato contestato il reato di abbandono di rifiuti speciali non pericolosi.

I militari dell’Arma hanno proceduto al sequestro penale dell’intera area ed al deferimento del responsabile della polizia municipale e del funzionario responsabile del mercato ortofrutticolo. Informate le autorità giudiziaria, amministrativa e sanitaria.

VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico