Cronaca

Vigili urbani, i sindacati: “Basta col fare i bersagli umani”

di Nicola Rosselli

 Aversa. “Siamo stufi di essere bersagli umani”. Questo il grido di protesta espresso dalle organizzazioni sindacali Diccap e Cisl-Fp in una nota inviata al sindaco di Aversa, al consigliere delegato alla polizia municipale e al comandante del corpo …

… in una nota scaturita da una riunione avuta con il comandante stesso (presente il delegato) a seguito dell’ennesimo incidente dei giorni scorsi (sassata al veicolo di servizio).

“Considerata la necessità di individuare nell’immediato un modo per limitare i rischi corsi dai colleghi di servizio in particolar modo durante l’orario notturno, – si legge nella nota – in qualità di Direttivi delle sigle in intestazione abbiamo deciso di proporre l’unica richiesta plausibile e immediatamente attuabile dalla nostra dirigenza: il cambio della tipologia di servizio da piantoni delle transenne, bersaglio certo e fisso del mitomane di turno, a agenti di autopattuglia sul territorio cittadino. Abbiamo inoltre messo in guardia gli interlocutori da quello che potrebbe essere un effetto emulazione degli eventi citati”.

Le organizzazioni sindacali continuano: “La richiesta che tra l’altro è addirittura banale per la sua legittimità sembrava essere stata accolta, ma poi di li a poche ore è stata disattesa. Pertanto gli scriventi intendono ribadire un altro principio, anch’esso banale ma inoppugnabile, e cioè che: a far data dal giorno della riunione stessa i colleghi di turno si atterranno al mansionario previsto dalla norma, nello specifico, non faranno più: gli ‘uscieri’, i ‘custodi’, i ‘facchini’, gli ‘autisti accompagnatori’, e soprattutto i ‘bersagli’. Pertanto, chi ne ha responsabilità dovrà preoccuparsi di provvedere ad individuare le debite figure responsabili tra l’altro di: aprire e chiudere fiere e parchi e posizionare e spostare le transenne. Tutto questo nel solo intento di cercare di garantire la incolumità e il decoro degli operatori ferma restando la coscienza della pericolosità insita nella funzione svolta da ognuno”.

Nel rispondere, poi, a chi aveva liquidato tutta la polemica con una richiesta di danaro, la nota precisa: “Nessuna richiesta economica è stata fatta! E sono volgari le strumentalizzazioni e le illazioni che si sono sentite in questi giorni, anche da personale di questo Comando che ambisce solo a fare i passacarte, dimenticando troppo spesso di essere in qualche modo appartenenti un corpo che sebbene locale resta sempre un Corpo di polizia”.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico