Aversa

Aversa, ufficiale: Tekra nuovo gestore raccolta rifiuti

E’ ufficiale. Sarà la Tekra la società che gestirà il servizio di igiene urbana ad Aversa per i prossimi cinque anni. La Stazione Unica Appaltante di Caserta, l’ente che ha curato la gara, ha dato atto della intervenuta efficacia dell’assegnazione della gara, dopo che, nel corso praticamente due anni necessari per l’espletamento della gara da parte della Stazione Unica Appaltante di Caserta, si è assistito ad un’altalena di aggiudicazioni tra la stessa Tekra e la Cite.

Protagonista della lunga vicenda, rappresentata dall’aggiudicazione di una gara di poco meno di trentacinque milioni di euro per cinque anni è stato anche il Tar Campania e il Consiglio di Stato ai quali si sono rivolte le due ditte. Nel giugno dello scorso anno, i giudici amministrativi della Campania avevano, infine, deciso per il rigetto del ricorso presentato dal Consorzio Cite che era stato escluso dalla gara per aver omesso nella documentazione versata negli atti di gara di una serie di circostanze relative al contratto che lo stesso Cite aveva con il comune Orta di Atella.

Quella stessa Cite, poi, nell’autunno successivo, è stata coinvolta in una inchiesta della magistratura che vede tra gli indagati diversi colletti bianchi e amministratori, tra cui un ex assessore proprio di Aversa. Di fatto, quindi, è stata confermata la decisione della Sua di Caserta che il 9 maggio 2018 aveva assegnato l’appalto da 34,5 milioni di euro per la raccolta rifiuti ad Aversa per i prossimi cinque anni alla società salernitana Tekra con sede ad Angri. Al momento, la società gestisce il servizio in provincia di Caserta, a Cervino, in quella di Napoli, tra gli altri: ad Acerra, Marano, Monte di Procida oltre che in diversi centri della Sicilia e un paio di notti fa si è vista dare alle fiamme alcuni camion di proprietà in un deposito di Giugliano. La gara fu indetta nell’aprile di due anni orsono, quando già era scaduto il contratto con la Senesi che sta proseguendo in proroga il servizio con un costo di circa 7 milioni di euro l’anno, praticamente da due anni, e lo farà sino alla stipula del nuovo contratto che dovrebbe avvenire a breve, sempre che non giunga a cambiare le carte in tavola una nuova decisione da parte della giustizia amministrativa.

«Credo – ha dichiarato il sindaco di Aversa Alfonso Golia – che sia una notizia importante per la nostra città. Gli uffici competenti sono a lavoro per ultimare le procedure di legge per avviare il passaggio di cantiere tra le due ditte. Ancora pochi mesi e, finalmente, il servizio sarà affidato alla nuova società con la quale potremo avviare una programmazione a lungo termine». Una speranza condivisa dai cinquantamila aversani che vedono ogni giorno che passa la propria città sempre più sporca.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Condividi con un amico