Aversa

Aversa, raffica di verbali a commercianti ed abusivi nei luoghi della movida

Movida normanna, ancora controlli serrati su tutta la città e non solo in quelli che erano una volta i luoghi simbolo del fenomeno, ossia via Seggio e dintorni. Da tempo, infatti, la movida ha messo radici anche in altri posti di Aversa, quali, ad esempio, via Belvedere, Parco Coppola e Parco Argo, piazza Vittorio Emanuele, oltre alla stessa piazza Municipio. Rispetto degli orari da parte dei titolari dei locali per la diffusione della musica, occupazione del suolo pubblico, auto in divieto di sosta e, in particolare, lotta senza quartiere ai parcheggiatori abusivi.

Alla fine, questo il resoconto di un’operazione che, così come la scorsa settimana, ha visto in strada ben otto agenti di Polizia municipale, oltre al comandante Stefano Guarino, al posto dei tre che venivano utilizzati in precedenza. Una piccola “magia” considerato che i caschi bianchi aversani sono sempre cinquanta, un numero assolutamente insufficiente per garantire i servizi necessari. Evidentemente, si è riusciti a coordinare in maniera più efficace il poco che è a disposizione.

Al termine del servizio ancora tre titolari di locali contravvenzionati perché continuavano a diffondere musica oltre le 24, così come prevede un’ordinanza sindacale. Due le sanzioni elevate per occupazione abusiva di suolo pubblico con tavolini ed altro da parte di altrettanti locali. Una cinquantina i verbali di contravvenzione al codice della strada soprattutto per sosta vietata. In questo senso da sottolineare l’ennesimo intervento in via Botticelli, ridotta a strada a senso unico alternato a causa delle auto in sosta contemporaneamente ad entrambi i lati della carreggiata. L’attività più importante, che solo in apparenza non ha sortito effetto, trattandosi di prevenzione, è rappresentata dal servizio di deterrenza contro i parcheggiatori abusivi sia nel parcheggio del parco Pozzi, in via Gaetano Andreozzi, che in piazza Municipio.

Sul fenomeno movida normanna, da oltre un decennio preoccupazione costante di tutte le amministrazioni comunali che si sono succedute, da registrare anche un intervento del sindaco Alfonso Golia che, stando ai fatti, sembra aver messo il fenomeno nel mirino delle attività della propria amministrazione. «Ho chiesto al comandante Guarino – ha dichiarato in proposito il primo cittadino – continuità e capillarità dei controlli su tutto il territorio comunale, dato che a differenza del passato i punti di ritrovo si sono moltiplicati e la questione non può essere ridotta ad una sola zona della città». «Contrastiamo con determinazione – ha continuato l’esponente del Partito Democratico – anche i parcheggiatori abusivi. Sabato sera sono stati tanti i cittadini che hanno apprezzato il presidio di una pattuglia all’ingresso del parcheggio del Parco Pozzi che ha di fatto liberato l’area da questi taglieggiatori che sino ad oggi si appropriavano indisturbati di intere aree della nostra città creando non poco allarme per la sicurezza soprattutto per quanto riguarda i giovani e le donne, vittime preferite di questi veri e propri estorsori, considerati i loro atteggiamenti».

Sempre in tema di mobilità cittadina, dopo il ripristino, nella scorsa settimana del semaforo all’incrocio tra via Arturo Garofano e la Variante, nell’ultimo fine settimana sono stati ripristinati i due varchi elettronici posti ad inizio della zona a traffico limitato di via Giolitti e via Garibaldi che erano guasti da qualche settimana. Rimane ancora il problema di rendere maggiormente visibile il varco di via Magenta che continua a rappresentare una sorta di trappola per qualche automobilista distratto.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Condividi con un amico