Home

Bacoli, una serra marijuana nel sito archeologico Grotta di Scalandrone

Avevano nascosto una serra per la coltivazione di marijuana all’interno della Grotta di Scalandrone, un sito archeologico di Bacoli, nella città metropolitana di Napoli. Vi si accedeva da un cunicolo nascosto, al lato della strada provinciale che prende proprio il nome dell’antica galleria utilizzata in epoca romana come ramo secondario dell’acquedotto di Serino. Una piantagione dotata delle più sofisticate apparecchiature per la coltivazione intensiva delle piante di canapa indiana e la produzione a ciclo continuo della sostanza stupefacente, compreso un sistema di irrigazione.

Ma i finanzieri della compagnia di Giugliano in Campania, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, l’hanno trovata e hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un 46enne e un 33enne, entrambi di Bacoli, per produzione e spaccio illegale di sostanza stupefacente.  Le indagini erano partite ad agosto 2018 dopo la scoperta di un’altra coltivazione di marijuana nel comune di Giugliano in Campania per cui era stata arrestata una persona collegata ai due indagati.

IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Caserta, alla Scuola Aeronautica una mattina dedicata a Francesco Baracca - https://t.co/thMEWOINYC

Napoli, rapinano minorenne col punteruolo di un ombrello: 2 arresti - https://t.co/LE0PBHFm51

Catania, 9 arresti per bancarotta ed evasione: c'è anche il padre del sindaco - https://t.co/s7szEHFBGg

Gricignano, "comitato d'affari" e "prosciutti": Pd e Op difendono Santagata e accusano Lettieri - https://t.co/3EMzJohDzs

Condividi con un amico