Home

6 tonnellate di hashish “Totò Riina” in un veliero sequestrato nel Canale di Sicilia

Dopo il recente sequestro di 11 tonnellate di hashish effettuato nel porto di Pozzallo, un’ennesima imponente operazione antidroga è stata realizzata dal comando regionale Sicilia della Guardia di finanza, in cooperazione con il comando operativo di Pratica di Mare ed il Servizio centrale investigativo criminalità organizzata di Roma, anche in questo caso grazie al contributo informativo fornito, in ambito di coordinamento internazionale, dalla Direzione centrale per i servizi antidroga italiana, dal CeCLAD-M francese e dalle autorità doganali francesi, le quali hanno collaborato all’individuazione di un veliero, in navigazione a nord ovest dell’isola di Pantelleria, sospettato di trasportare un ingente quantitativo di stupefacenti.

Le risultanze delle indagini e alcuni approfondimenti operativi hanno consentito al Nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo, di segnalare al Reparto operativo aeronavale di Palermo e al Gruppo aeronavale di Messina il contesto in atto, i quali hanno immediatamente costituito un dispositivo tattico aeronavale impiegando un pattugliatore, un guardacoste e due elicotteri, oltre a due aeromobili operanti in quell’area marittima nell’ambito della missione “Themis” dell’agenzia europea Frontex. L’imbarcazione a vela oggetto di segnalazione veniva avvistata da uno dei due elicotteri a circa 30 miglia a nord ovest di Pantelleria. Non esponendo alcuna bandiera e priva di sigle identificative, il natante è stato sottoposto a stringente monitoraggio anche tramite il dispositivo aereo in volo, finché non è stato raggiunto dal Guardacoste G202 “Salerno”.

Considerate le avverse condizioni meteo-marine e la vicinanza delle acque territoriali tunisine nonché la necessità di eseguire l’inchiesta di bandiera per appurare la nazionalità del veliero, il Reparto operativo aeronavale di Palermo autorizzava l’abbordaggio da parte del guardacoste. L’imbarcazione, denominata “El Canonero”, di colore bianco, lunga 12.40 metri e larga 4.25 metri, aveva a bordo un ingente quantitativo di sostanza stupefacente racchiusa in sacchi di iuta ed era condotta da tre persone di equipaggio: due spagnoli e un colombiano, D.G.C., 37 anni, A.T.A., 39 anni, e L.A.C.S., 38 anni. La verifica documentale effettuata a bordo consentiva di rilevarne la nazionalità belga con porto di registrazione Cartagena (Spagna).

In attesa di acquisire, tramite la Dcsa, l’autorizzazione dello Stato di bandiera a procedere al compimento delle operazioni di polizia giudiziaria, ai sensi della Convenzione di Vienna contro il traffico internazionale di stupefacenti e sostanze psicotrope, il veliero, dopo aver effettuato uno scalo tecnico nel porto di Pantelleria per la sua messa in sicurezza mediante ottimizzazione della distribuzione del carico, veniva scortato al porto di Trapani dove nel frattempo era intervenuta una “task force” costituita da oltre 20 militari del Gico di Palermo, del Nucleo polizia economico-finanziaria di Trapani e del Servizio centrale investigativo criminalità organizzata di Roma per l’approfondito controllo al momento dell’attracco. La perquisizione ha consentito alle Fiamme Gialle di rinvenire occultati all’interno del natante complessivamente 6360 chili di hashish, confezionati in tipici sacchi di iuta contenenti differenti qualità dello stupefacente, tra le quali spiccano quelle riportanti sulle confezione il marchio distintivo “Totò Rina”.

I finanzieri, dopo aver preso contatti con la Procura di Trapani, hanno sequestrato l’imbarcazione, la sostanza stupefacente trasportata e la strumentazione di bordo utile alla ricostruzione della reale rotta seguita, mentre i tre membri dell’equipaggio sono stati arrestati e condotti nella casa circondariale di Trapani. La droga sequestrata, destinata ai consumatori europei, avrebbe potuto fruttare, al dettaglio, oltre 50 milioni di euro. La “El Canonero” è la quarta imbarcazione che viene sequestrata nel Canale di Sicilia da questa estate dopo la “Quest”, la “Remus” e la “Leucothea”. Con l’operazione “Libeccio International” il Nucleo Pef di Palermo é partner dal 2013 della Joint Operation Task “Rose of the Winds” con Spagna (operazione “Urca”), Francia (operazione “Exo7”) e Grecia (operazione “Cleopatra”) patrocinata dall’Europol. Da allora, anche grazie all’impiego del dispositivo aeronavale del Corpo, dotato di unità navali e velivoli in grado di effettuare un’accurata ricerca degli obiettivi in acque internazionali, sono stati sequestrati stupefacenti per un valore stimato complessivo di circa 2 miliardi di euro, 13 navi e arrestati oltre 100 narcotrafficanti.

Proprio nelle scorse settimane, la Guardia di finanza è stata invitata con gli altri membri della JOT dai responsabili dell’Osservatorio europeo sul consumo delle droghe (“European monitoring centre for drugs and drug addiction”) di Lisbona, che a livello europeo è il massimo organo di studio ed analisi del fenomeno con importanti poteri consultivi e propositivi presso la Commissione europea, per riferire circa l’incidenza del traffico di droghe nel Mediterraneo, la cui evoluzione desta sempre maggiori preoccupazioni tra gli esperti. L’operazione rappresenta un’ulteriore conferma della fondamentale utilità di una stretta cooperazione sul piano internazionale e della sinergia operativa tra la componente territoriale e quella aeronavale della Guardia di Finanza al fine di garantire un contrasto sempre più efficace dei traffici illeciti lungo le rotte del Mediterraneo.

IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Napoli, mostra su Maria Luisa Acquaviva al Pan - https://t.co/mSVRjP7wGs

Napoli, Garante Detenuti: "Liberare i minori e renderli adulti e responsabili" - https://t.co/djib3tEJiS

Napoli, gli scatti di Robert Mapplethorpe in mostra al Museo Madre - https://t.co/dPdcCaLwZH

Cesa, Ferriero: "Housing Sociale un'opportunità per il territorio" - https://t.co/bVI1JvFvkB

Condividi con un amico