Home

Trieste, propaganda Isis su chat: minorenne voleva colpire la sua scuola

C’era un minorenne di origine algerina, residente a Trieste, dietro due chat chiuse e diversi canali Telegram in cui venivano diffusi messaggi di propaganda dell’Isis tradotti in italiano e fatti atti di proselitismo per spingere i membri a compiere attentati.

L’indagine della polizia è partita nel dicembre del 2016 con l’obiettivo di individuare i membri del canale “Khalifah News Italy”. Il minorenne è stato denunciato. Secondo gli investigatori sarebbe stato pronto a realizzare un dispositivo rudimentale per compiere un’azione nella scuola da lui frequentata. Grazie ai servizi di pedinamento in collaborazione con le Digos territoriali, è stato sottoposto a controllo lo zaino del ragazzo dove sono stati trovati solo diversi documenti manoscritti in lingua araba e una bandiera dell’Isis realizzata dal giovane. Le successive perquisizioni domiciliari hanno consentito di sequestrare ingente materiale informatico, che ha confermato quanto ipotizzato e ricostruito dagli investigatori.

Nel canale Telegram gestito dal minorenne c’era anche la traduzione in italiano del testo di rivendicazione dell’attentato terroristico del 19 dicembre 2016 a Berlino. All’interno della chat, frequentata da circa 200 utenti e risultata essere tra i principali veicoli della narrativa del Califfato, l’hashtag .califfatoIT, presente in tutti i contenuti pubblicati, aveva la doppia funzione di indirizzare i contenuti a tutti i sostenitori e simpatizzanti dello Stato Islamico presenti sul territorio nazionale e di indicare a livello internazionale la presenza di una “sezione” italiana attiva.

L’indagine della polizia è partita nel dicembre del 2016 con l’obiettivo di individuare i membri del canale “Khalifah News Italy”. Sul canale venivano pubblicati i link di collegamento ad altre piattaforme per la condivisione, come Youtube, Google Photos e Google Drive, dai quali era possibile visualizzare video in lingua araba, con sottotitoli in lingua italiana.

Nei confronti del ragazzo che gestiva le chat e i canali Telegram di propaganda jihadista, è stato avviato, per la prima volta in Italia, un percorso di deradicalizzazione dalla procura dei Minori di Trieste, grazie agli strumenti messi a disposizione dell’ordinamento, allontanando il giovane dal “cyber jihad”. Il giovane verrà affiancato da un imam perché apprenda una visione più ampia dell’Islam.

IN ALTO IL VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Napoli, "Il passato nel presente": giornata di studio al Maschio Angioino - https://t.co/m8wqE2cyS6

Trentola Ducenta, Luigi Lorvenni in campo per Sagliocco Sindaco - https://t.co/xXdmunkbnU

Governo, Mattarella convoca Fico per incarico esplorativo - https://t.co/Mqb1xNAidC

Regionali Molise, vince Toma del centrodestra. Fi supera Lega: Berlusconi esulta - https://t.co/Ku8samSxvX

Condividi con un amico