Gricignano

Gricignano, processo slot machine: 9 anni a Carusone, assolta la nuora

Gricignano – Condanna a nove anni e quattro mesi per Francesco Carusone di Gricignano e assoluzione per la nuora Maria Muto nel processo, con rito abbreviato, riguardante l’inchiesta su camorra e slot machine che il 15 settembre 2015 portò a 44 arresti contro presunti appartenenti a una rete collegata alla famiglia Russo, fazione del clan dei casalesi, che fa riferimento a Giuseppe Russo, alias “Peppe ‘o padrino”.

Per Carusone, difeso dall’avvocato Raffaele Costanzo, l’accusa aveva chiesto 12 anni, mentre per la Muto, difesa dagli avvocati Costanzo e Francesco Lettieri, 2 anni e due mesi di reclusione.

Altre condanne: Corrado Russo 11 anni, Michele Ciervo 10 anni e 8 mesi, Domenico Puocci 10 anni e 4 mesi, Marcello Mormile 8 anni e 8 mesi, Benedetto Ricciardi 8 anni e 8 mesi, Corrado Discepolo 8 anni, Gaetano De Biase 7 anni e 8 mesi, Fabio Scognamiglio 7 anni e 4 mesi, Giovanni Gallo 6 anni e 8 mesi, Ernesto Capasso 5 anni e 8 mesi, Cesario Pecovela 4 anni, Carmine Iaunese 3 anni e 8 mesi, Eduardo Di Martino 3 anni e 2 mesi, Massimiliano Forti 3 anni, Andrea Discepolo 3 anni.

L’inchiesta culminò il 15 settembre del 2015 con l’esecuzione di 44 arresti, compiuti dalla Dia di Napoli, tra le province di Caserta, Napoli, Perugia e Salerno, anche nei confronti di commercianti, imprenditori e titolari di esercizi ricettivi. Le accuse, a vario titolo, dall’associazione per delinquere di tipo mafioso al trasferimento fraudolento di valori, illecita concorrenza con minaccia o violenza e riciclaggio, reati aggravati dall’aver favorito il clan.

L’INDAGINE – L’indagine è durata quattro anni e ha ricostruito come la famiglia Russo si sia imposta quale gruppo mafioso maggiormente attivo non solo nella gestione delle estorsioni a imprenditori e a commercianti, nel controllo di appalti e nel mantenimento dei rapporti con i rappresentanti delle pubbliche amministrazioni ma, soprattutto, nella gestione, sia direttamente che attraverso commercianti e imprenditori consapevoli e compiacenti se non proprio organici, di molte delle principali attività economiche del territorio.

GIOCHI E CAFFE’ – La gestione del settore dei giochi da intrattenimento presso gli esercizi commerciali dalla provincia di Caserta si è estesa anche in quella di Napoli con l’utilizzo di prestanome incensurati. Tra le attività dei Russo svolte con metodi mafiosi ci sono la distribuzione del caffè, la gestione di sale bingo, la ristorazione presso centri commerciali, i cavalli da corsa, le tipografie.

“DOPO DI NOI NON C’E’ PIU’ NIENTE” – Decisive le immagini raccolte dalla Dia nell’ambito di servizi di appostamento, che hanno fatto emergere come la cosca ha imposto il monopolio del settore delle slot e dei videopoker. C’è una scena in cui due uomini se la prendono con un imprenditore: “Bevi che ti passa la paura – si sente dire – ma ti rendi conto di dove ti trovi? Dopo di noi non c’è più niente”.

I SEQUESTRI – Il decreto di sequestro ha riguardanto cinque aziende attive nel settore della distribuzione dei giochi elettronici da intrattenimento, il cui valore complessivo è da stimarsi in 20 milioni di euro circa. Tra l’altro sono stati posti sigilli a 3.200 slot machine distribuite in centinaia di esercizi commerciali tra Campania, Toscana e Lazio.

Sempre a Russo, attraverso prestanome, era legata una società proprietaria di cavalli, la “O.M. Srl” che, nella sua scuderia, annoverava il trottatore “Madison Om”, nato in Italia nel 2006, di pregio, con 74 corse, 15 vittorie e 35 piazzamenti, e oltre 91mila euro in premio.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico