Home

Marigliano, sparano per “divertimento”: presi figlio e nipote del boss

Quattro colpi d’arma da fuoco, poi rivelatisi a salve, tra la gente e i negozi, per divertimento, “perché ci piace vedere la paura in faccia alle persone”.

Due ragazzi di 20 e 18 anni, rispettivamente figlio e nipote di un esponente di spicco del clan Filippini-Lucenti di Marigliano (Napoli), sono stati identificati e denunciati dopo avere messo a segno, ieri, due ‘stese’ (dimostrazioni di forza della criminalità organizzata, ndr) nella città semplicemente per “combattere la noia del sabato sera”.

I due hanno confessato di avere seminato il panico per semplice divertimento. Il più piccolo, tra l’altro, aveva avuto un permesso di uscita da una comunità dove è stato destinato per una rapina a un minorenne. L’arma, sequestrata, è una pistola modificata caricata a salve.

Ma la paura tra i cittadini è stata vera. I carabinieri di Castello di Cisterna hanno trovato e sequestrato quattro bossoli. Il clan fa affari nella zona facendo rapine e vendendo droga.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico