Napoli

Trans rifiuta ricovero perché insultata, sit-in di solidarietà a Napoli

Napoli – Nunzia Lopreiato, insultata, derisa e umiliata è stata costretta la settimana scorsa a lasciare la struttura sanitaria a cui si era rivolta, l’ospedale San Giovanni Bosco, in seguito ad un microinfarto (leggi qui). Nunzia è una donna da 25 anni, sposata da 16, ma nata uomo.

Dopo poche ore dall’arrivo in ospedale ha dovuto rinunciare alle cure e firmare le dimissioni pur di non essere offesa dagli operatori sanitari e dagli altri degenti.

Secondo la ricostruzione dell’Associazione Transessuale di Napoli, di cui Nunzia è socia, nonostante i documenti d’identità confacenti la sua identità di genere, gli operatori sanitari incaricati del ricovero l’hanno continuamente derisa rivolgendosi a lei al maschile e discutendo su quale reparto fosse più adatto.

L’associazione, insieme all’Arcigay di Napoli, ha per questo motivo convocato questa mattina un presidio all’ingresso dell’ospedale per esprimere solidarietà a Nunzia.

I partecipanti alla manifestazione chiesto di essere ricevuti dal direttore sanitario della struttura per un confronto sulla vicenda e perchè sia garantito un ricovero dignitoso e rispettose delle persone transessuali, come ha spiegato ai nostri microfoni la presidente Loredana Rossi. Presente, tra gli altri, Daniela Falanga, dell’associazione Transessuali di Napoli.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico