Home

Politica, Mattarella: “Spezzare la catene della corruzione”

Roma – La lotta alla corruzione politica deve essere costante. E’ questo il messaggio trasmesso dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenuto all’inaugurazione dei corsi di formazione per l’anno 2016 della Scuola superiore della magistratura.

“La lotta alla corruzione è un impegno di sistema, non di un solo corpo dello Stato, che non sarebbe sufficiente. La corruzione in quell’ambito è più grave perché in quel caso si assume un duplice dovere di onestà per sé e per i cittadini che si rappresentano”, ha dichiarato.

“Dobbiamo continuare a spezzare le catene della corruzione e delle complicità. La corruzione è un male gravissimo della nostra società che inquina le fondamenta del vivere civile. Va combattuta senza equivoci o timidezze – ha aggiunto – Occorre una grande alleanza tra tutte le forze sane per sviluppare ulteriormente gli anticorpi perché combattere la corruzione è un impegno di sistema, non di un solo corpo dello Stato, che non sarebbe sufficiente. Gli attori della politica, per la loro parte, devono aggiungervi la consapevolezza che la corruzione in quell’ambito è più grave perché, nell’impegno politico, si assume un duplice dovere di onestà, per sé e per i cittadini che si rappresentano”.

E ancora: “La magistratura ha il compito di perseguire i reati, le istituzioni politiche quello di agire per prevenire e sconfiggere i fenomeni corruttivi. E quello, insostituibile, di perseguire l’interesse comune, definendo le regole di legge, e quello di dotare il sistema giustizia di norme chiare ed efficaci e di mezzi adeguati. Per questo comune obiettivo occorre perseguire forme di collaborazione istituzionale. La magistratura non è e non vuole essere un’alternativa alle istituzioni politiche”.

“Il conflitto indebolisce tutte le parti in contrapposizione, mentre l’ordinato svolgimento della vita istituzionale rafforza il senso dello Stato e il suo impegno contro il malaffare. Accresce la fiducia dei cittadini, i quali per primi si attendono, con ragione, che anche le varie articolazioni della Repubblica esprimano coesione. Va sottolineato che questa collaborazione viene abitualmente praticata. Talvolta si registra invece competizione, sovrapposizione di ruoli, se non addirittura conflitto, e questo genera sfiducia, oltre a indebolire la società nel dispiegarsi delle sue potenzialità e a disorientarla riguardo al concreto esercizio dei diritti”, ha concluso Mattarella.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico