Campania

Caso De Luca, bagarre in Consiglio: M5S occupano aula

Napoli – Una giornata difficile per il Consiglio regionale coinvolto nel caso De Luca. I consiglieri del Movimento 5 Stelle hanno occupato l’aula al grido di “acqua pubblica, acqua pubblica”, sostenuti da padre Alex Zanotelli e da un gruppo di attivisti.

“Chiediamo che venga firmata la nostra mozione di sfiducia al governatore, vogliamo poterne discutere in aula”, ha detto il capogruppo del Movimento 5 Stelle Valeria Ciarambino, seduta al posto del presidente dell’assemblea Rosetta D’Amelio. Quest’ultima ha dato inizio alla seduta ma non ha potuto sistemarsi sul suo scranno.

Ne è nato un diverbio, con i pentastellati che chiedevano “democrazia” e D’Amelio che rispondeva alle accuse. La D’Amelio ha sospeso il Consiglio, convocando la conferenza dei capigruppo tra le polemiche e le proteste del M5S. Assente il governatore De Luca ma per la giunta erano presenti il vicepresidente Bonavitacola e alcuni assessori.

D’Amelio, con l’accordo della quasi totalità dei capigruppo (ad eccezione del Movimento 5 Stelle), ha poi riaperto la seduta chiedendo ai consiglieri grillini di lasciare i banchi della presidenza, ma la Ciarambino e gli altri cinquestelle hanno ignorato l’appello. Così è scattato il coro dai banchi del centrosinistra “Pagliacci, pagliacci” indirizzato ai grillini.

Sospesa per una seconda volta la seduta per “la grave scorrettezza istituzionale” dei consiglieri 5 Stelle. La D’Amelio ai consiglieri pentastellati: “Per ora non chiamo la polizia, ma non accetto provocazioni. Capisco che ci possano essere anche forme di protesta politica estrema, però non si può mancare di rispetto alle istituzioni. E’ intollerabile che il capogruppo dei 5 Stelle blocchi i lavori perché il centrodestra non firma la mozione di sfiducia. E’ la fine della democrazia, chi vuole firmare firma, non si può pensare di imporre una scelta del genere”.

Durissime le parole del capogruppo dei Verdi Francesco Borrelli: “I grillini sono come l’Isis, ci stanno tenendo in ostaggio. E’ indecente speculare su una tragedia come quella francese”. La seduta è ripresa alle 13.30 ma la situazione non è cambiata. I 5 Stelle sono rimasti sui banchi della presidenza e hanno continuato a protestare anche durante l’intervento del consigliere De Pascale che ha commemorato le vittime degli attentati di Parigi.

Passariello (Fdi) ha puntato il dito contro D’Amelio che “non fa rispettare il regolamento. In queste condizioni il Consiglio non può continuare”. Subito dopo gli esponenti del centrodestra hanno abbandonato l’aula. Intanto i lavori sono andati avanti e la legge sul ciclo delle acque è stata approvata in pochi minuti. Intanto la cinquestelle Muscarà si è avventata sulla D’Amelio tentando di strapparle il microfono ma la presidente è stata protetta dai funzionari.

La seduta è stata quindi sospesa per la terza volta in tre ore. D’Amelio è stata colta da malore e ha fatto ricorso al 118 per accertamenti. Lo ha reso noto il capogruppo del Pd, Mario Casillo, nel corso di una conferenza stampa convocata dalla maggioranza dopo il caos in Consiglio regionale.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Napoli, "Il passato nel presente": giornata di studio al Maschio Angioino - https://t.co/m8wqE2cyS6

Trentola Ducenta, Luigi Lorvenni in campo per Sagliocco Sindaco - https://t.co/xXdmunkbnU

Governo, Mattarella convoca Fico per incarico esplorativo - https://t.co/Mqb1xNAidC

Regionali Molise, vince Toma del centrodestra. Fi supera Lega: Berlusconi esulta - https://t.co/Ku8samSxvX

Condividi con un amico