Home

Carmen Consoli, una canzone per la lotta al femminicidio

È Carmen Consoli, l’ambasciatrice di Telefono Rosa, che ha presentato il progetto di sensibilizzazione per la lotta alla violenza sulle donne. Tra le artiste coinvolte anche Emma, Elisa, Gianna Nannini e Irene Grandi.

”Mi sento parte di una squadra – ha spiegato Carmen Consoli – vogliamo dire alle donne che c’è chi può aiutarle”.

La cantantessa, così come viene riconosciuta nell’ambiente musicale italiano, ha deciso di sfruttare la forza della musica e dell’arte per apportare un contributo importante alla lotta contro ogni forma di violenza sulle donne. Dal 29 maggio, infatti, sarà possibile sentire in radio una versione speciale de “La signora del quinto piano”, brano estratto dall’ultimo album della Consoli, “L’abitudine di tornare”, rielaborato grazie alla collaborazione di queste straordinarie cantanti (in fondo all’articolo riportiamo la versione originale di Carmen).

Il pezzo che dimostra come la musica possa divenire una risorsa, uno strumento per aiutare concretamente chi è in difficoltà. Sì, perché il gesto delle cantanti non sarà meramente simbolico: tutti i proventi della vendita de La signora del quinto piano #1522 (Universal Music), disponibile su iTunes, saranno infatti devoluti a favore del Telefono Rosa.

Al titolo del singolo di Carmen si aggiunge quel numero speciale, 1522, ovvero il numero nazionale antiviolenza di genere, del Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio. La notizia di questo progetto è stata annunciata ufficialmente in un giorno particolare, ovvero oggi, 28 maggio, a due anni esatti di distanza da quando la Camera dei Deputati ha approvato all’unanimità laConvenzione di Istanbul, primo strumento internazionale giuridicamente vincolante per proteggere le donne contro qualsiasi atto di violenza.

Carmen, tra le altre cose, è Ambasciatrice dell’Associazione Nazionale Telefono Rosa e ha dichiarato, come riportato nell’intervista pubblicata su Repubblica.it: “La questione è prima di tutto culturale: ci sono ancora, nel nostro paese ma non solo, situazioni in cui la donna è trattata come una bestia. Per combatterle alla radice la cultura è l’arma più forte ma mi rendo conto che è un processo lungo e difficile. Per cui bisogna essere pratici e questa iniziativa serve a far sapere che esiste un’associazione che si chiama Telefono Rosa che può aiutare le donne in difficoltà, e soprattutto che contattarlo è facile: basta fare un numero di telefono, il 1522“.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico