Torre del Greco

Da Cicerenella a Cimarosa, gli alunni de ‘La Sala’ a lezione dalla Scarlatti

 Aversa. Far conoscere ai bambini e ai ragazzi la storia di Napoli attraverso brani vocali e strumentali della tradizione partenopea per trasmettere un’ideale ‘storia sonora’ della città, …

… dove la musica di volta in volta illumina alcuni passaggi cruciali delle vicende di un popolo alla conquista nei secoli della propria identità culturale e della propria dignità sociale e civile.

E’ questa la sfida della Nuova Orchestra Scarlatti di Napoli che, da anni, propone una formula di ascolto attivo, di coinvolgimento costante dei ragazzi nel vivo dell’evento musicale, delle sue molteplici dimensioni cognitive, emotive e relazionali, attraverso divertenti e stimolanti giochi sul silenzio, sul ritmo, nonché attraverso la conoscenza diretta dei vari strumenti e la manipolazione dei materiali musicali: un approccio che supera l’impostazione frontale della tradizionale ‘lezione/concerto’.

Martedì 18 e mercoledì 19 novembre, al teatro Mediterraneo della Mostra d’Oltremare di Napoli, il maestro Gaetano Russo, direttore artistico della Nuova Scarlatti e ideatore dei progetti per le scuole, insieme ai componenti dell’orchestra, a Mariateresa Polese (soprano) e a Romeo Barbaro (tammorre), ha coordinato e animato i diversi momenti dell’incontro con i ragazzi con un linguaggio che per immediatezza, ritmo e sintesi risulta particolarmente adatto a un giovane pubblico (tra gli 8 e 14 anni).

La piccola storia musicale di Napoli spazia nel ricchissimo universo sonoro campano dal ‘200 ai nostri giorni, dal colto al popolare, dalle strade ai teatri, da Piedigrotta ai salotti, da Cicerenella a Cimarosa, dalle Lavandare del Vomero a Donizetti passando per la via delle tammorre: dal Vesuvio al Cilento.

Trale scuole coinvolte l’istituto “La Sala” di Aversa, insieme alla scuola media statale “Balzico” di Cava de Tirreni, “Don Salvatore Vitale” di Giugliano,Secondo circolo didattico “Siani” di Mugnano, i comprensivi “Nicola Romeo” di Casavatore, “Massimo D’Azeglio” di Marano, “Palasciano” di Pianura, “De Filippo” di San Nicola La Strada, “Falcone-Scauda” di Torre del Greco, “Ludovico da Casoria” di Casoria, “Giacomo Leopardi” di Torre del Greco e la “Diaz” di Pozzuoli.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico