Sant’Arpino

Don Domenico Belardo viceparroco a Qualiano

don Domenico BelardoSANT’ARPINO. Sentimenti di entusiasmo e gioia accomunano i fedeli della Comunità Parrocchiale di Maria SS. Immacolata in Qualiano, …

… i quali hanno appena appreso la notizia che don Domenico Belardo, giovane sacerdote di Sant’Arpino, è stato nominato dal vescovo di Aversa, Angelo Spinillo, cooperatore pastorale e chiamato a collaborare con il parroco don Francesco Martino. Settembre è sempre stato un mese che ha segnato date importanti nella storia della Parrocchia dell’Immacolata.

Era un caldo settembre del lontano 2008 quando Don Francesco ebbe la nomina a parroco di quella che i qualianesi chiamavano e continuano chiamare “a’chiesa abbascio ‘a cupa”. Rivedendo questi ultimi cinque anni di vita parrocchiale molti ricordi sovvengono alla mente: i locali provvisori di via Di Vittorio dove per anni ha celebrato messa il compianto don Stefano Savarese, l’indimenticabile ed emozionate Messa della Notte di Natale del 2008, celebrata nella attuale chiesa che era ancora un cantiere, con la copertura della volta non ultimata e le stelle che scendendo dalle loro altezze quasi volevano intrufolarsi attraverso di essa, per scrutare tra i bagliori di quella santa notte di Speranza chi cantava come duemila anni fa “Gloria a Dio nell’alto dei Cieli e pace in terra agli uomini che Egli ama”.

E come non ricordare le numerose visite dei Vescovi monsignor Milano e dell’attuale vescovo Spinillo. Negli ultimi anni la Comunità Parrocchiale di Maria SS. Immacolata è cresciuta sia in numero di abitanti che di fedeli. Le attività parrocchiali sono numerose e quello che si vede o in molti casi quello a cui si partecipa, non ha bisogno di essere minuziosamente descritto perché l’evidenza non può essere negata. Con la collaborazione di don Domenico Belardo, Don Francesco a cominciare dal 15 settembre potrà contare su un altro sacerdote che lo affiancherà per rendere sempre più vivo l’annuncio del Vangelo ai tanti bambini, ragazzi, giovani, adulti e anziani che formano il popolo santo di Dio in questa terra che questi due sacerdoti, pur provenendo da altri paesi della diocesi, amano come propria terra nativa.

Don Domenico, neo vice parroco, ha affermato che svolgerà il suo apostolato: “Conoscendo la comunità, camminando con essa, edificando quel Regno che Gesù è venuto a portare e che la Chiesa ogni giorno cerca in ogni suo membro e in ogni comunità e che cerca di incarnare nei vissuti di ogni persona, di ogni famiglia e della società intera”. Poi ha aggiunto con profonda umiltà: “Non so se sono all’altezza del compito che mi attende, ma con la forza del Signore e in forza della Sua presenza darò tutta la mia disponibilità”.

Da sempre la missione del sacerdote si concretizza essenzialmente nell’annuncio del Vangelo e nel Vangelo Gesù stesso quando scelse i primi settantadue discepoli “li inviò a due a due avanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi” (Luca 10, 1). L’originale testo latino arricchisce di emozioni e entusiasma chiha un minimo di dimestichezza con questa lingua mai morta: “et misitillosbinos ante faciemsuam in omnemcivitatem et locum”.

Stupendo è quel avverbio “binos”, che è stato tradotto in italiano in maniera riduttiva con le parole “a due a due”, facendo perdere la ricchezza di un altro significato che è reso invece dalla parola “insieme”. L’evangelista Luca vuole sottolineare che Gesù invia i discepoli insieme e a due a due, perchè due persone unite nel Suo nome già sono una comunità ed Egli è con loro. E che dire di quel “ante faciemsuam”, ossia davanti a se. L’espressione “faciemsuam” mette in gioco una parte del corpo umano, la faccia (facies -faciei) o meglio il viso e il viso di Gesù è la finestra del Suo cuore pieno d’amore per tutti gli uomini.

Auguri, carissimo Don Domenico e che la Vergine Immacolata possa benedire ogni passo che lei farà lungo le strade di quella che una volta era una “cupa”, così era chiamata con vena di disprezzo la zona dove sorge oggi la parrocchia, ma oggi quella “cupa” è diventata una strada lastricata di fraternità per chi desidera scoprire e seguire Gesù nella sua nuova comunità, dove il Padrone stesso della vigna l’ha chiamato a lavorare.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico