Campania

Napoli, bimbi protestano contro la dispersione scolastica

 NAPOLI. Un corteo di bambini contro la dispersione scolastica. Erano in 200 oggi a Napoli, in via Foria, bambini e maestre della scuola ‘Croce Arcoleo’.

Sono scesi in strada per i diritti dei minori e per la legalità. Al fianco degli alunni anche l’assessore all’Educazione del Comune di Napoli, Annamaria Palmieri. Al termine del corteo sono stati presentati dati allarmanti di uno studio sulla III e IV Municipalita’: nelle scuole medie della zona la dispersione scolastica tocca il 37 per cento.

L’iniziativa, organizzata da Ltm Ong, si inserisce nell’ambito del progetto “Sfide” (Scuole, famiglie, integrazione contro la dispersione scolastica e l’esclusione sociale) finanziato dalla Fondazione con il Sud. Il progetto di Sfide ha operato nel territorio della III e IV Municipalita’ di Napoli.

Gli obiettivi sono la prevenzione dell’insuccesso scolastico, il recupero dei ragazzi a rischio di dispersione, il contrasto dell’illegalita’ e del bullismo attraverso attivita’ di consulenza e di coaching, rivolte anche alle famiglie. Il progetto ha realizzato anche una ricerca sul territorio presentata in sala Gemito durante il seminario dal titolo ‘La Rete contro l’abbandono’.

L’indagine sulla dispersione ha avuto come oggetto l’intero universo delle scuole primarie di I e II grado presenti nella III e IV Municipalità per l’anno scolastico 2012-2013. I risultati sono pnegativi: nella scuola elementare, secondo lo studio, la dispersione e’ dovuta principalmente a problemi di disagio familiare o malattia del minore; per la scuola secondaria di primo grado, le medie, la causa di evasione principale sarebbe il disagio sociale a scuola con punte fino al 37 per cento.

La III Municipalità, in particolare il rione Sanita’, presenta una elevata emarginazione sociale causata da alti tassi di disoccupazione e sottoccupazione. La presenza di criminalità organizzata rappresenta una alternativa di vita per buona parte degli adolescenti che abbandonano la scuola.

VIDEO

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico