Aversa

Prevenzione malattie cardiovascolari: in campo il professor Farinaro

Eduardo Farinaro AVERSA. Si chiama nutrigenomica ed è una nuova scienza il cui scopo è quello di applicare a modelli animali (quindi anche all’uomo) gli strumenti di genomica per identificare geni e proteine regolati dai nutrienti.

Un campo di ricerca nuovo e vitale per il futuro dell’umanità. Organizzato dal Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Università di Napoli Federico II, sabato 1 giugno si terrà una giornata di studio che rientranell’ambito dell’attività scientifica della“International Task Forcefor the Prevention of Cardiometabolic Diseases” che è presieduta per il triennio in corso dal professor Eduardo Farinaro dell’Università Federico II, aversano, massimo esperto del settore. Questa Task Force è una Organizzazione Non Governativa, attiva in variPaesi di tutti i Continenti, il cui scopo fondamentale è quello di aiutare i Governi nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

“Molti studi epidemiologici – ha dichiarato l’accademico aversano – hanno rilevato che il consumo di particolari alimenti come frutta e verdura è associato ad una riduzione di malattie cardiovascolari, obesità e diabete. La relazione causa ad effetto tra alimentazione e salute può essere dimostrata oggi utilizzando la nutrigenomica, che consiste nello studio dell’effetto di specifici nutrienti/bioattivi nel contesto dell’alimento in cui naturalmente si trovano, cioè insieme a metaboliti, enzimi, fibre, che possono costituire fattori esterni in grado di modificare la biodisponibilità e bioattività dei composti stessi”.

Saranno proprio gli esperti di tale disciplina e di Medicina Preventiva che si confronteranno sulla reale possibilità di prevenire le più diffuse malattie metaboliche, ed in particolar modo quelle di cuore ad esse correlate, per cercare di chiarire alcuni aspetti di questo campo così innovativo della medicina di oggi. L’incontro metterà a fuoco i concetti fondamentali sugli quegli alimenti che possono in qualche modo migliorare la salute dell’uomo.

I più famosi ricercatori di vari Paesi Europei si sono dati appuntamento, ospiti del Comando Logistico Sud dell’Esercito Italiano a Palazzo Salerno in piazza del Plebiscito a Napoli, proprio per poter discutere di questo affascinante, promettente ed attuale argomento.

“Molte sono le prove scientifiche – conclude il professorFarinaro – che alcune sostanze contenute nei nostri alimenti possono davvero migliorare le condizioni di salute dell’uomo ma è d’altra parte ancora molto avvertita la necessità di progredire nella conoscenza dei rapporti tra alimentazione e salute. La giornata di studio cercherà di chiarire alcuni aspetti cruciali di questa complessa materia”.

Relatori saranno: G. Assmann da Munster, Germania; R. Carmena, da Valencia, Spagna; E. Farinaro, Napoli; G. A. Ferns da Brighton, Inghilterra; J.C. Fruchart da Lille, Francia; H. Greten, Hamburg, Germania; D. Kromhout da Wageningen, Olanda; M. Mancini da Napoli; L. Masana da Reus, Spagna; A. Olsson da Linkoping, Svezia; G. Riccardi da Napoli; F. Salvatore Da Napoli; E. Shlyakto, da San Pietroburgo, Russia; S. Stranges da Warwick, Inghilterra; M. Trevisan da New York, USA; M. Triassi, da Napoli; B. Trimarco, da Napoli; A. von Eckardstein, da Zurigo, Svizzera.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico