Aversa

Movida, nasce il “Condominio del Seggio” per unire residenti e commercianti

 AVERSA. Insieme residenti e titolari dei locali della movida per il rilancio di via Seggio. E’ questo l’intento principale del comitato “Condominio del Seggio”, nato, con tanto di atto notarile, …

… per cercare di risollevare le sorti di una zona della città che sino a qualche anno fa rappresentava il quartiere dello shopping cittadino, divenuta, poi, un desolante deserto di giorno e oggetto di invasione da parte di centinaia e centinaia di giovani nelle serate dei fine settimana grazie ai numerosi locali che in questo ultimo periodo hanno aperto i battenti. Invasione che ha provocato una vera e propria ribellione da parte dei residenti che, sentendosi prigionieri in casa, in qualche occasione hanno reagito anche in malo modo con lancio di buste con feci, come avvenuto nello scorso autunno.

“Il Condominio del Seggio – ha dichiarato l’avvocato Maurizio Golia, ideatore e promotore dell’iniziativa – ha un auspicio: che questa nostra strada, centro, nel tempo, di momenti storici e della vita più intensa del commercio cittadino possa tornare agli antichi splendori nonché avere la possibilità, incontrandoci, sia noi residenti che commercianti,di parlare, di fare delle proposte, di autoregolamentarsi, affinché, in un tempo più o meno breve, via Seggio ritrovi la sua storica connotazione commerciale e la nuova realtà costituita da nuovi imprenditori conviva ed interagisca in maniera serena con i residenti”.

Un appello, questo di Golia, che è stato accolto da diverse decine tra residenti e titolari di esercizi commerciali (non solo di pub, bar e ristoranti, ma anche del settore abbigliamento) che hanno sottoscritto l’atto di costituzione in uno studio notarile della città normanna.

Tra gli intendimenti spiccano: recuperare e valorizzare il Centro Storico di via Seggio come nucleo centrale della vita della città; diventare riferimento del residente ed operatore commerciale per le necessità che non trovano risposta da parte dell’amministrazione comunale; rappresentare il cittadino per la tutela dei fondamentali diritti che garantiscono la civile e serena convivenza nella città e nella strada; monitorare i livelli di qualità dei servizi forniti, in relazione alle necessità dei residenti ed esercenti; denunciare le irregolarità che possano rappresentare un pericolo per i residenti ed i commercianti che operano in via Seggio che potrebbero rivelarsi lesive del decoro del contesto socio-urbanistico della città e della strada.

Gli aderenti vogliono, inoltre autoregolarsi in armonia tra le parti al fine di fissare delle regole alle attività commerciali per la convivenza con i residenti di via Seggio; interfacciarsi tra i residenti e l’amministrazione comunale per le iniziative necessarie ed anche per una civile e serena convivenza che contemperi le esigenti di tutti. Insomma, i numeri e gli auspici per un miglioramento della qualità della vita in quella che una volta era il motore economico del commercio cittadino sembrano esserci.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico