Esteri

Usa, punivano figlia con tortura “waterboarding”: arrestati

 NEW YORK. Non la cella di un carcere anti-terrorismo bensì le mura domestiche di un’abitazione di un rispettato pediatra.

E’ qui, in Delaware, che una ragazzina di 11 anni, secondo la ricostruzione della polizia, è stata punita dai genitori con una tecnica di tortura, il “waterboarding”. Melvin Morse è un pediatra specializzato nel trattamento di bambini in punto di morte. E sua moglie, Pauline, stava a guardare mentre lui metteva in atto la punizione. La coppia è stata arrestata dopo che la figlia ha raccontato agli agenti di essere stata punita con una forma di tortura che viene definita una sorta di annegamento controllato. La ragazzina, che ora si trova in un centro accoglienza, ha detto che il padre le metteva la faccia sotto un rubinetto aperto e le faceva salire l’acqua su fino al naso.

Le “punizioni” sarebbero state perpetrate per almeno quattro volte nel corso di due anni, sotto gli occhi della madre che, secondo il racconto della figlia, stava a guardare senza muovere un dito.

Il primo allarme è scattato il mese scorso quando la polizia è intervenuta nella casa del pediatra a Georgetown dopo segnalazioni di abusi. Morse era accusato di aver preso la figlia per la caviglia, di averla trascinata fino in casa passando lungo un vialetto sterrato, e di averla poi presa a sculacciate.Il medico venne arrestato e poi rilasciato dietro cauzione. All’epoca, interrogata dagli agenti, la ragazzina aveva detto che veniva punita con qualcosa che il padre chiamava “waterboarding” e di avergli sentito dire che sarebbe potuto andare avanti per cinque minuti senza che lei subisse danni cerebrali.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico