San Nicola la Strada - San Marco Evangelista

Rifiuti, D’Ambrosio (Udc) spiega su mancata partecipazione a San Tammaro

Gabriella D’AmbrosioSAN NICOLA LS. La situazione emergenziale dei rifiuti si aggrava ora dopo ora. La rivolta di Terzigno potrebbe attecchire anche in provincia di Caserta.

Il sindaco di San Tammaro ha invitato tutti i 104 sindaci della provincia a partecipare alla riunione programmata per il giorno 21 presso la discarica di Maruzzella alla quale ha partecipato anche il presidente dell’Amministrazione provinciale, Domenico Zinzi. Il sindaco di San Nicola La Strada, Angelo Pascariello, e tutti i consiglieri comunali sannicolesi hanno disertato la riunione. La mancata partecipazione alla riunione ha fatto infuriare il segretario cittadino dell’Udc, nonché consigliere comunale, Gabriella D’Ambrosio. L’abbiamo intervistata per ascoltare il suo punto di vista.

Come mai, dottoressa D’Ambrosio, del Comune di San Nicola La Strada non ha partecipato nessuno? I consiglieri comunali di San Nicola sono stati messi a conoscenza della riunione presso la discarica di Maruzzella solo alle ore 18.30 nel corso del Consiglio comunale, mentre a me risulta che il fax del Sindaco di San Tammaro è pervenuto alle ore 13.11. Dunque, data la gravità e l’importanza del problema sarebbe stato opportuno avvisare immediatamente tutti i consiglieri e presentarsi presso la discarica di Maruzzella.

Ci sono preoccupazioni per l’apertura della Cava Mastroianni, attigua alla discarica Lo Uttaro? Io penso che altissima deve essere l’attenzione su questo argomento e forte deve essere la mobilitazione delle coscienze. Dopo la discarica Lo Uttaro, che dovrebbe essere bonificata entro il 30 maggio 2011, non possiamo consentire l’apertura di un’altra discarica come quella della Cava Mastroianni. Purtroppo, con la legge 123 è stata autorizzata la realizzazione di discariche in tutte e cinque le province campane e la Cava Mastroianni è un potenziale sito perché previsto dalla legge.

Perché dopo due anni siamo ancora allo stesso punto? Il problema è che in questi due anni nulla si è fatto a Napoli e provincia per aumentare le quote di raccolta differenziata. Di questo passo non ci saranno mai discariche che potranno bastare perché non si è innescato quel meccanismo virtuoso capace di ridurre sempre di più la percentuale dell’indifferenziata. E siamo sempre più in emergenza.

Allora Caserta diventerà ancora una volta l’immondezzaio di Napoli? La Regione Campania deve sapere, come ha affermato Zinzi, che Caserta non può essere né ora né in futuro lo sversatoio della Campania e male ha fatto Caldoro a non tenere nella giusta considerazione i pareri dei presidenti di provincia e dei consiglieri regionali.

Secondo Lei ha fatto male il sindaco Pascariello a non andare a San Tammaro? Nel 2007 se io fossi stata il sindaco di San Nicola sarei andata con la fascia Tricolore sulla discarica Lo Uttaro, così come ora sarei andata a San Tammaro il 21 ottobre e avrei invitato tutti i consiglieri ad andarci in tempo utile ed avrei rinviato il Consiglio che era stato convocato solo ed unicamente per la surroga di due consiglieri comunali dimissionari, argomento sicuramente degnissimo ma rinviabile.

Il Tar del Lazio ha detto che non si può sversare oltre il 26 ottobre, cosa succederà dopo? Il Tar del Lazio ha accolto il ricorso fra l’altro anche della provincia di Caserta, ed ha impedito alla Regione di prorogare ulteriormente il conferimento di rifiuti oltre il 26 ottobre a Maruzzella, riconoscendo, in pratica, il principio della provincializzazione della gestione dei rifiuti.

Il comportamento di Pascariello è ascrivibile al fatto che è del Pdl e, quindi, rispetta la linea dettata dal partito, oppure perché è a fine mandato e non vuole prendere posizione? Non so cosa possa passare per la testa del Sindaco, so solo che questa maggioranza non ha fatto abbastanza per impedire l’apertura della discarica Lo Uttaro a suo tempo e non vorrei che anche questa volta egualmente non facesse abbastanza per impedire l’apertura della Cava Mastroianni. Noi come Udc faremo tutto quanto è nelle nostre possibilità per impedire che ciò accada.

Vacilla allora l’alleanza Pdl-Udc? L’alleanza resta valida, come ha detto il commissario regionale Giampiero Zinzi, nel quadro di una buona amministrazione. Dobbiamo dimostrare di saper convivere e portare avanti progetti importanti per il rilancio del nostro territorio.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico