Italia

3 novembre 1957, Laika parte per il suo ultimo viaggio

LaikaAccadde Oggi. Laika, o forse meglio sarebbe chiamarla Kudrjavka, è una meticcia che il 3 novembre del 1957 viene lanciata nello spazio a bordo di un navicella spaziale sovietica, lo Sputnik 2, con solo biglietto di andata.

Di certo ancora oggi esistono seri dubbi sulla reale durata in vita della cagnetta, che viene registrata dai sensori presenti nella capsula fino all’entrata in orbita. Ipotesi ci dicono che forse riuscì a restare in vita per dieci giorni, ma appare un’idea non probabile, visto che dopo sei giorni tutta l’alimentazione dello Sputnik era fuori uso. Molto probabilmente le forti variazioni termiche in volo fecero vivere l’animale non più di 7 ore dopo il decollo. Ancora oggi non sono noti i motivi del perché fu scelto un cane, quale essere vivente, per questo primo volo nello spazio, probabilmente perché di piccole dimensioni. Di certo si trattava di un meticcio, forse metà Husky e metà Terrier. In verità le cagnette addestrate per il volo furono tre, Albina, Muschka e Laika. L’allenamento fatto anche di lunghissimi periodi, di circa 20 giorni, di contenzione in gabbiette strettissime, fece sì che gli animali si spaventassero ed irritassero, specie durante le prove alle centrifughe, tanto da prevedere varie sospensioni. La capsula pesava in tutto 18 chilogrammi a cui si aggiungevano i 6 chili di Laika. A bordo una temperatura costante di 15° centigradi e acqua e cibo sotto forma di gel. Il razzo venne lanciato dal cosmodromo di Baikonur alle 2.30 del 3 novembre del 1957. Laika fece percepire i suoi segnali vitali fino a sette ore dopo il lancio, il satellite ritornerà in orbita terrestre cinque mesi dopo, il 14 aprile del 1958 e sarà completamente distrutto dall’impatto con l’atmosfera. Dopo Laika toccherà ad altri cani il sacrificio del volo spaziale. Il 20 agosto del 1960, le cagnette Belka e Strelka, finalmente riusciranno a ritornare sane e salve dal volo Sputnik 5. L’opinione pubblica si divise e non poco, da un lato forti critiche furono rivolte all’uso di animali quali cavie nello spazio, dall’atro vi fu il forte sentimento di vittoria sovietica dello spazio e la depressione americana di essere arrivati dietro. Laika oggi è ricordata dalla Russia tra gli astronauti morti in missione e un monumento la eleva al livello degli eroi della patria, molti i francobolli emanati in suo onore, un pezzetto del suolo di Marte porta oggi il suo nome.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico