Italia

14 ottobre 1926, esce il romanzo di Winnie the Pooh

Winnie PoohAccadde Oggi. Il personaggio di Winnie the Pooh, che solo successivamente diventerà Winnie Pooh, nella formula adottata da Walt Disney, viene creato da A.A. Milne.

Il primo romanzo di una lunga serie è pubblicato il 14 ottobre del 1926. Solo dopo la morte di Milne tutti i diritti di autore dell’intera opera furono venduti alla Walt Disney che fece diventare l’orsacchiotto di pezza, un eroe dei cartoon americani. Winnie Pooh è un simpatico orsacchiotto di pezza che dedica buona parte della sua giornata a mangiare miele e a comporre curiose poesie. Il nome deriva da quello dato dal figlio di Milne, Christopher Robin, ad un suo orsacchiotto, nome mediato da “Winnipeg” un cucciolo di orso che il bambino aveva visto nel vistare lo zoo di Londra. Il bambino si innamorò a tal punto di questo orsetto da voler più volte ritornare allo zoo e a chiedere al padre di raccontargli storie in cui fosse proprio Winnie il protagonista. Da cosa nasce cosa e dalle fiabe narrate si passò al romanzo scritto. La seconda parte del nome, e cioè “Pooh”, è il nome di un secondo animale, un ciglio, sempre frutto delle conoscenze del bambino, quindi Winnie il “ciglio”, così come riportato fin dalle prime uscite. Naturalmente il romanzo si popola quindi di un numero incredibile di altri personaggi, c’è il maialino, l’asinello, la tigre che saltella, la mamma canguro, il coniglio Tappo, il gufo, tutti personaggi mediati dalle esperienze personali di padre e figlio e riportati nella parte romanzata e fantastica dell’opera. Winnie, anche se non vi sono conferme è però solo un pupazzo animato e non un vero e proprio orso. Nel 1929 i diritti furono prima acquistati da Stephen Slesinger per poi passare nel 1961 al colosso della Walt Disney che fece diventare l’orsetto uno dei prodotti dei cartoons più ricchi della sua intera produzione, riuscendo a recuperare circa 1 miliardo di dollari ogni anno, in pratica l’intero “raccolto” fatto da altri personaggi quali Topolino, Minnie, Paperino, Pippo e Pluto, tutti messi insieme. Inutile dire che i romanzi e i cartoon sono oggi tradotti praticamente in tutte le lingue, con una edizione addirittura in latino “Winnie ille Pu” di Alexandre Lenard, opera che nel 1960 fu il primo libro in lingua straniera nella speciale classifica redatta a fine anno dal New York Times.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico