Aversa

GeoEco, prosegue l’occupazione degli interinali

Piazza MunicipioAVERSA. Hanno occupato senza tregua la casa comunale, a turni, i 25 interinali del consorzio GeoEco, dormendo sulle sedie e sul pavimento dell’atrio.

Vogliono una sola cosa: il lavoro costituzionalmente garantito. Sono mesi che attendono un’assunzione, più volte promessa ma mai concretizzata. Eppure basterebbe davvero poco. Basterebbe che il comune di Aversa facesse finalmente partire la raccolta differenziata, quella “porta a porta”, assumendo questi lavoratori come operatori impegnati nell’avvio del nuovo servizio. Funziona in questo modo: il comune ha stanziato in bilancio dei fondi, derivanti anche da un aumento della Tarsu, che serviranno per incentivare la differenziata. Allora questi soldi verrebbero concessi al GeoEco per assumere i nuovi operatori destinati allo specifico servizio. Ma il comune non fa partire la differenziata e, quindi, loro sono fermi al palo, intanto occupano la casa comunale ad oltranza in attesa di risposte. Ma in questo quadro generale non mancano note di colore. E’ il caso di un “impavido” sindacalista della Cisl, che stamattina, invece di essere solidale, come lavoratore e come sindacalista, al gruppo di manifestanti, si è prontamente recato dalla segretaria generale Anna Di Ronza per esplicitare le “paure” per la sua “incolumità personale”, nonostante i manifestanti sostassero pacificamente in una delle stanze comunali. Incolumità personale, neanche se venti persone, tra cui alcune donne, potessero equivalere ad un’orda di barbari scesi a conquistare la terra normanna. Caro sindacalista, suvvia, in fin dei conti lei, dipendente comunale, un posto ce l’ha, allora diamo voce e spazio anche a chi quel lavoro lo vorrebbe per dare una speranza al proprio futuro!

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico