Teverola

Vicenda amianto, Improta smentisce: “E’ stato un incidente”

Il punto della tettoia dove si è distaccato il pannello di eternitTEVEROLA. “E’ stato soltanto un banalissimo incidente, causato dalla disattenzione di alcuni collaboratori che mi stavano aiutando a ripulire il garage”. Il signor Antonio Improta, guardia ambientale dell’Arci Pesca Fisa, ci tiene a far chiarezza sull’episodio che lo ha visto protagonista sabato scorso.

Durante la mattinata un suo vicino di casa avvisava i carabinieri e i vigili urbani del fatto che Improta stesse tagliando la tettoia del suo garage costituita da pannelli di eternit, il famigerato materiale composto da cemento e fibre di amianto, sostanza, quest’ultima, ritenuta cancerogena e per questo messa al bando in Italia nel 1992. Le forze dell’ordine, giunte presso la sua abitazione, emettevano un verbale di constatazione. Ma per il signor Improta è stato un incidente, come si evince anche dalle foto che ci ha inviato, che ritraggono la tettoia perfettamente integra mancante di un solo pannello, anch’esso perfettamente e appoggiato al muro. “Stavo dislocando alcuni mobili nel mio garage – racconta Improta – quando inavvertitamente una delle persone che mi aiutava ha urtato una lastra di eternit che si è spostata dal proprio incastro. Prontamente mi sono impegnato a rimuovere la lastra appoggiandola per intero al muro. Questo è tutto. Da parte mia non c’è stata alcuna volontà di rimuovere, tagliare e smaltire illecitamente l’eternit”. In merito al verbale di constatazione dei vigili urbani, questi, come riferisce Improta, “hanno accertato solo ed esclusivamente la versione del sottoscritto”. E su internet, nell’ambito di una discussione relativa la lastra di eternit, integra, appoggiata al muro del garageproprio alla vicenda di Improta, è intervenuto anche l’ingegner Enzo Fumo, della Seconda Università degli Studi di Napoli e noto esperto ambientale: “Le lastre di eternit sono da considerare M.c.a. (materiali contenenti amianto) in matrice non friabile (il cemento). Pertanto il problema della rimozione, messa in opera o smontaggio fatto in proprio e per componenti non rotti non comporta problemi, né per l’operatore né per l’ambiente circostante. Ovviamente, ciò vale solo se non si effettuano tagli o abrasioni delle superfici. Poi ci sono M.c.a. in matrice non friabile (pannelli isolanti, lastre di carton gesso) che essendo più fragili tendono a rompersi e a rilasciare nell’aria fibre di amianto. In quel caso, per qualsiasi operazione, sono necessari l’autorizzazione dell’Asl e l’intervento di una ditta specializzata”. Pertanto, sentito anche il parere dell’esperto, si può dire che il signor Improta non ha commesso alcun reato ambientale.

la tettoia del garage

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico