Cesa

Rifiuti: De Angelis è pronto a rescindere dal contratto con la Geo-eco

Geo-EcoCESA. Disservizi nella raccolta dei rifiuti solidi urbani. La Geo Eco, ditta che gestisce il servizio di igiene urbana nella cittadina, non rispetta gli accordi contrattuali e il sindaco Vincenzo De Angelis va su tutte le furie e passa alle maniere forti. Ieri mattina è stata inviata una lettera di contestazione al Presidente del Consorzio CE2, con l’addebito delle penali previste da contratto e la relativa decurtazione delle somme dai canoni da corrispondere al Consorzio stesso.

Tuttavia il primo cittadino non esclude azioni più clamorose come la rescissione dal contratto e l’affidamento del servizio ad altra ditta. “Sono stufo di fare il direttore di cantiere – ha esordito il sindaco De Angelis -. Vincenzo De AngelisDa quando mi sono insediato, e precisamente da circa tre mesi, per assicurare un servizio discreto di pulizia del paese sono costretto a svegliarmi tutte le mattine alle sei e a seguire le operazioni di raccolta, affinché questa sia fatta in modo capillare su tutto il territorio. E, sistematicamente, tutte le mattine devo intervenire presso il Consorzio con decine di telefonate per sollecitare gli operatori, la presenza di camion, della spazzatrice e quant’altro serve per garantire la pulizia del paese. Ma, nonostante il mio impegno – ha aggiunto – i disagi e i disservizi alla cittadinanza permangono. Così stufo di questa situazione, davanti all’ennesima inefficienza del Consorzio ho deciso di utilizzare il pugno duro. Noi paghiamo profumatamente e, a differenza di altri Comuni, puntualmente il servizio resoci dalla Geo-Eco e visti i costi pretendiamo un servizio di eccellenza. Ciò significa il rispetto degli impegni contrattuali. Invece – sottolinea il primo cittadino – il servizio settimanale di raccolta della carta, della plastica, di svuotamento delle campane per la raccolta del vetro e dei rifiuti ingombrandi risulta a dir poco scadente. Addirittura, per quanto attiene i rifiuti ingombranti, l’attività non viene espletata da almeno sei mesi con i relativi disagi per la popolazione. Lo spazzamento delle strade cittadine, previsto per tre volte a settimane, viene svolto, quando viene svolto, nei modi e nei tempi di utilità del Consorzio. Poi, nonostante una richiesta per iscritto non è stata ancora effettuata la pulizia delle caditoie e dei corsetti fognari. Infine, sull’area mercato, oltre alla pulizia del piazzale, è previsto il lavaggio e la disinfezione dell’area che non è stata mai svolta”. Insomma, addebiti gravi e su cosa ora intende fare per ovviare a questi disservizi, il primo cittadino ha le idee chiare: “Intanto, una cosa che posso fare e farò subito – ha chiosato De Angelis – è di provvedere ad applicare le penali decurtando le somme dai canoni. Poi, se non ci sarà un’inversione di rotta, studierò i modi per rescindere dal contratto e affidare il servizio ad un’altra società”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico