Spettacoli

Aversa, mattinata con Cimarosa e la “polacca rustica” nella Chiesa dell’Immacolata

di Antonio Arduino

Aversa (Caserta) – Chiusa da tre anni la chiesa dell’Immacolata, che si trova poco distante dalla chiesa di San Nicola, è stata riaperta il 4 dicembre per essere palcoscenico di un “matinée d’autunno” promosso dall’associazione “Aversadonna”. – continua sotto –

Un concerto che ha visto la partecipazione del mandolinista Tiziano Palladino, conosciuto a livello internazionale per concerti tenuti, tra i tanti, a New York, Varsavia, Oslo, Atene, Istanbul, Madrid, Stoccolma, di Emanuele Procaccini al violino, Giuseppe Carrus al violino, Fernando Ciaramella alla viola Alessandra Ercolani al violoncello, Ottavio Gaudiano al contrabbasso. Uno spettacolo che ha dato il battesimo anche ad una nuova creazione gastronomica aversana, la “polacca rustica”, realizzata dal Pink House.

E’ stata la dimostrazione di come sia possibile proporre eventi natalizi con costi bassissimi grazie alla volontà di cittadini e sponsor aversani che amano davvero la città e la sua arte senza fare chiacchiere ma facendo fatti. A favorire questa unione il promoter culturale e organizzatore di eventi Giuseppe Lettieri, in collaborazione con Aversadonna, presieduta da Milena Gordon.

Da segnalare che tra le composizioni presentate ce n’è stata una particolarmente importante perché veniva attribuita a Domenico Gaudiano, autore importante ma non come il vero autore  del “concerto per mandolino ed archi” scritto da Domenico Cimarosa e presentato per la prima volta in questa occasione che ha offerto anche la possibilità di vedere una delle chiese barocche più belle presenti nella città, tenuta in condizioni pressoché perfette da Guglielmo Moschetti, ex assessore della giunta Ciaramella, volontario custode di questa perla d’arte che meriterebbe attenzione da parte dell’assessorato alla cultura se si intendesse davvero promuovere lo  sviluppo turistico della città. IN ALTO IL VIDEO

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico