Cronaca

Nasconde in auto 70mila euro in banconote false: arrestato albanese su A1 ad Afragola

di Redazione

I finanzieri del comando provinciale di Avellino hanno individuato e posto sotto sequestro 1.998 banconote sospette di falsità, distinte in mazzette del taglio di 20 e 50 euro, per un totale complessivo pari a 70.040 euro. – continua sotto –

Nel corso di un servizio finalizzato al contrasto dei traffici illeciti, i finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria hanno individuato e fermato, sul tratto autostradale autostrada A1, in direzione Roma, sul territorio di Afragola (Napoli), una Fiat Punto con a bordo un cittadino albanese residente in provincia di Alessandria.

Dopo un preliminare accertamento alla banca dati “Sdi” sul conto del soggetto, risultato gravato da numerosi precedenti di polizia, i finanzieri, insospettiti dal suo atteggiamento, decidevano di accompagnarlo in caserma ad Avellino al fine di effettuare un controllo più approfondito sul veicolo. Tale attività consentiva di rinvenire, occultate all’interno dell’intercapedine lato destro dell’autovettura, numerose mazzette di banconote sospette di falsità, di pregevole fattura, che, messe in circolazione, avrebbe certamente consentito di trarre facilmente in inganno un detentore non esperto. L’uomo è stato tratto in arresto.

L’azione di servizio costituisce un’ulteriore testimonianza della lotta alla criminalità economica e finanziaria in materia di circolazione dell’Euro e degli altri mezzi di pagamento svolta dalla Guardia di Finanza per arginare l’immissione sul mercato di banconote e monete contraffatte, a tutela del corretto funzionamento del mercato dei capitali nonché a salvaguardia della fiducia che il pubblico ripone nell’utilizzo della valuta. In tale ambito, l’attività dei militari del comando provinciale di Avellino, nel corso di quest’anno, ha finora consentito, seppur in maniera frazionata, di sequestrare 2.114 banconote false per un valore complessivo facciale pari a 76.350 euro.

Scrivici su Whatsapp
Benvenuto in Pupia. Come possiamo aiutarti?
RedazioneWhatsappWhatsApp
Condividi con un amico